Il barretter a filo caldo era un rivelatore demodulante , inventato nel 1902 da Reginald Fessenden , che trovava un uso limitato nei primi ricevitori radio . In effetti si trattava di una termoresistenza altamente sensibile che poteva recuperare segnali modulati in ampiezza, qualcosa che il coherer (il rivelatore standard del tempo) non poteva fare. [1]

Il primo dispositivo utilizzato per demodulare i segnali audio, è stato successivamente sostituito dal rilevatore elettrolitico , anch’esso generalmente attribuito a Fessenden. Il principio del barretter è ancora utilizzato come rivelatore per la radiazione a microonde , simile a un bolometro .

Descrizione e costruzione

Il brevetto di Fessenden del 1902 descrive la costruzione del dispositivo. Un sottile filo di platino , di circa 0,003 pollici (0,08 mm) di diametro, è incorporato nel mezzo di un tubo d’argento con un diametro di circa 0,1 pollici (2,5 mm). Questo filo composto viene quindi estratto finché il filo d’argento ha un diametro di circa 0,002 pollici (0,05 mm); poiché il filo di platino al suo interno viene ridotto nello stesso rapporto, viene disegnato fino ad un diametro finale di 0,00006 pollici (1,5 μm). Il risultato è chiamato filo Wollaston .

Il rivestimento in argento è inciso su un pezzo corto del filo composito, lasciando un filo di platino estremamente sottile; questo è supportato, su due fili d’argento più pesanti, in un loop all’interno di un bulbo di vetro. I cavi vengono estratti attraverso l’involucro di vetro e l’intero dispositivo viene messo sotto vuoto e quindi sigillato.

Operazione

Il barilotto a filo caldo dipende dall’aumento della resistività del metallo all’aumentare della temperatura. Il dispositivo è polarizzato da una corrente continuaregolato per riscaldare il filo alla sua temperatura più sensibile. Quando c’è una corrente oscillante dall’antenna attraverso l’anello di filo di platino estremamente sottile, il filo viene ulteriormente riscaldato quando la corrente aumenta e si raffredda quando la corrente diminuisce di nuovo. Quando il filo si riscalda e si raffredda, varia la sua resistenza in risposta ai segnali che lo attraversano. A causa della bassa massa termica del filo, è in grado di rispondere abbastanza rapidamente per variare la sua resistenza in risposta ai segnali audio. Tuttavia, non può variare la sua resistenza abbastanza velocemente da rispondere alle frequenze radio molto più alte. Le frequenze radio vengono sostanzialmente rimosse e il suono viene demodulato perché la corrente attraverso il circuito varia con la resistenza del filo che cambia. Le cuffie sono collegate in serie con la CC

Vedi anche

  • Rivelatore elettrolitico uno sviluppo del rilevatore di barriere.
  • Resistenza ferro-idrogeno

Collegamenti esterni

Brevetti

  • US 706744 , “Attuale dispositivo sensibile all’onda attuata ” – Agosto 1902 (rilevatore “barretter”)
  • US 727331 , “Ricevitore per onde elettromagnetiche” – Maggio 1903 (miglioramento “barretter”)

Altro

  • Rivelatori di oscillazioni elettriche
  • Definizioni tecniche – Concetti radiofonici
  • Storia radiofonica degli Stati Uniti
  • Secor, H. Winfield (gennaio 1917). Sviluppo di rivelatori radio . The Electrical Experimenter , pagine 652+, accessibili dal 2007-12-20.

Riferimenti

  1. Salta su^ Storia di WirelessTapan K. Sarkar, Robert Mailloux, Arthur A. Oliner, Magdalena Salazar-Palma, Dipak L. SenguptaISBN 978-0-471-78301-5Gennaio 2006, Wiley-IEEE Stampa pagina 369

Leave a Reply

Your email address will not be published.