La Compagnie générale de la télégraphie sans fil (CSF: General Wireless Telegraphy Company) era una società francese fondata nel 1918 durante una riorganizzazione e l’espansione della Société française radio-électrique (SFR), che divenne una sussidiaria. La società ha sviluppato la tecnologia per la radiotelegrafia, la trasmissione di programmi radio, il radar, la televisione e altre applicazioni. Forniva servizi di radiodiffusione e telegrafia e vendeva le sue attrezzature in tutto l’impero coloniale francese e in molte altre parti del mondo. Nel 1968 CSF si è fusa con Thomson-Brandt per formare Thomson-CSF .

Sfondo

Dalla metà del XIX secolo il mondo era collegato a una rete sempre più fitta di cavi telegrafici e cavi sottomarini. [1] Nel 1887 Heinrich Hertz della Germania dimostrò definitivamente l’esistenza di onde elettromagnetiche. Alexander Stepanovich Popov della Russia ha sviluppato antenne per trasmettere e ricevere onde radio. [2] Anche scienziati come Édouard Branly e Nikola Tesla hanno contribuito allo sviluppo dei concetti. [1] Nel 1895 Guglielmo Marconi , studente dell’Università di Bologna, inventò la telegrafia senza fili. Nel 1897 fondò la Wireless Telegraph & Signal Company in Inghilterra. [2]La sua controllata la Marconi Wireless Telegraph Company of America fu fondata negli Stati Uniti nel 1899. [3] [a] La compagnia Telefunken fu creata in Germania nel 1903 come joint venture tra Siemens e AEG . [1]

In Francia l’ingegnere capitano Gustave-Auguste Ferrié (1868-1932) riunì una squadra per lavorare sulla telegrafia senza fili per i militari. [5] Ferrié dimostrò il valore della radiotelegrafia al governo durante l’eruzione vulcanica del Monte Pelée in Martinica e mostrò il valore di collocare antenne sulla cima della Torre Eiffel . Nel 1908 il giovane politecnico Émile Girardeau si unì alla squadra di Ferrié. [2] Girardeau e lo scienziato Joseph Bethenod decisero di fondare una compagnia francese per soddisfare le esigenze di comunicazione radio militare e civile. [2]

Société Française Radio-Electrique (1910-19)

La Société Française Radio-Electrique (SFR) è stata lanciata il 3 aprile 1910. [2] Paul Brenot ha dato un importante contributo allo sviluppo del SFR. [6] Le nuove tecniche di Bethenod furono usate nel primo collegamento radiotelegrafico nei tropici, tra Brazzaville e Loango . Ciò ha portato agli ordini di attrezzature SFR provenienti da Belgio, Messico, Turchia, Bulgaria, Serbia, Italia, Russia e Cina. Tra il 1910 e il 1914 l’SFR sviluppò alternatori di risonanza di frequenza musicale, stabilì stazioni nel Congo Belga e in Russia, sviluppò trasmettitori di campo che potevano essere trasportati in auto o muli, che furono testati nelle Guerre dei Balcani del 1912-13e ha installato i primi trasmettitori su dirigibili, aeroplani, navi da guerra, barche da pesca e imbarcazioni passeggeri. [2]

La prima guerra mondiale (1914-18) stimolò la ricerca radiofonica. Nuove stazioni furono ordinate da Serbia e Romania. [2] La Marina francese costruì un grande centro a Basse-Lande ( Brains, Loire-Atlantique ), con due trasmettitori ad arco e un trasmettitore a scintilla. [2] [7] SFR ha consegnato 65 stazioni fisse con potenza superiore a 5kW, 18.000 stazioni aeree, 300 stazioni su navi e 300 stazioni mobili su veicoli. [8] Una nuova macchina che fornisce onde continue utilizzando il processo Bethenod è stata installata presso la stazione di Lyon la Doua. [2]

Formazione (1918-19)

Enormi induttori spirituali di “pancake” a Sainte Assise nel 1922

La creazione della Compagnie générale de la télégraphie sans fil (CSF) nel 1918 fu dovuta al successo del SFR e all’iniziativa degli investitori guidati dalla Banque de Paris et des Pays-Bas(BPPB) e comprendente la Compagnie Française des Câbles Télégraphiques (CFCT), che gestiva le linee telegrafiche transatlantiche. [9] Uno dei vantaggi per la banca era che permetteva di utilizzare i diritti che aveva sui beni tedeschi sequestrati dagli alleati. [10] Émile Girardeau era a capo del CSF, che era una holding che includeva l’SFR per la radiotelegrafia e aveva altre filiali per la gestione del traffico radiotelegrafico, della radiodiffusione marittima e della radiodiffusione. [11] Nel 1919 l’SFR creò una fabbrica a Levallois-Perretnel nord-ovest di Parigi. Paul Brenot ha lasciato l’esercito per diventare direttore tecnico della SFR. [12]

C’erano forti relazioni finanziarie tra BPPB e la holding del CSF, ma BPPB non aveva molto coinvolgimento con le sussidiarie, per le quali il CSF ha svolto il ruolo di banchiere. I ricavi del CSF derivano da royalties pagate dalle controllate per lo sfruttamento di brevetti detenuti dalla casa madre. I dividendi sono rimasti bassi. [9] Il CSF gestiva un laboratorio di ricerca generale a livello centrale e deteneva tutti i brevetti del gruppo. [10]

Periodo tra le due guerre (1919-1939)

Il CSF ha offerto stipendi e strutture interessanti a giovani fisici che non hanno potuto ottenere posizioni accademiche. Tra questi c’era Yves Rocard (1903-1992), che entrò a far parte della Radiotechnique nel 1928 e Maurice Ponte (1902-1983), che si unì nel 1929. [13] Sia Rocard che Ponte erano diplomati all’École Normale Supérieure di Parigi. Yves Rocard in seguito contribuì a sviluppare la bomba atomica francese. [14] Ponte è stato messo a capo del reparto di tubi a vuoto SFR e del laboratorio di ricerca generale, ed è stato dato mano libera ai fisici assumente per assistere nella ricerca di radiazioni elettroniche ed elettromagnetiche. [14]

Nel 1925 il gruppo CSF ​​contava circa 1.600 dipendenti. Nel 1935 aveva raggiunto i 4.900 dipendenti, inclusa la forza lavoro della Radiotechnique , che all’epoca era di proprietà congiunta di Philips . [12] Nel 1935 lo stato esigeva che i suoi fornitori più importanti avessero strutture a sud della Loira e che l’SFR si trasferisse a Cholet , nel Maine-et-Loire. L’impianto di Cholet, che era stato un impianto di subappalto per la fabbrica principale di Levallois, divenne una struttura autonoma con l’intera gamma di servizi amministrativi, tecnici e di collaudo. Cresce da 25 operai nel 1937 a 1.250 nel 1957, con un’area di 22.000 metri quadrati (240.000 piedi quadrati). [15]

Durante il periodo tra le due guerre, la tedesca Telefunken, la britannica Marconi, la RCA americana e la francese CSF operavano come un cartello, evitando la concorrenza. [16] Durante le riunioni dell’International Broadcasting Union, apparentemente interessate a regolamentare l’uso delle radiofrequenze, i leader della compagnia hanno stipulato accordi per il cross-licensing di brevetti e per l’intaglio del mercato. I principali mercati del CSF erano la Francia, l’impero coloniale francese, la Serbia, l’Argentina e il Cile. Il CSF aveva anche filiali in Medio Oriente, Cina, Giappone e Unione Sovietica. [17]

Servizi di trasmissione radio

Per aiutare a promuovere la tecnologia radio, il 19 ottobre 1920 il Segretario di Stato per le poste e i telegrafi concesse al CSF la concessione per costruire e gestire tutti i collegamenti radio internazionali dalla Francia. [2] Uno dei primi risultati dell’azienda fu la costruzione della stazione di trasmissione a onde lunghe Sainte-Assise, vicino a Melun , attraverso la sua controllata Radio-France. Otto torri da 250 metri (820 piedi) sostenevano due antenne alimentate da quattro alternatori da 500KW. La stazione entrò in funzione nel 1922. Le trasmissioni a onde corte, riflesse dalla ionosfera, sono generalmente una soluzione migliore per le trasmissioni intercontinentali ma sono sensibili alle condizioni atmosferiche e alle variazioni della ionosfera. L’enorme installazione di Sainte-Assise è rimasta utile per le emergenze. [12]A Sainte-Assise la sussidiaria di Radio-France iniziò a trasmettere in Europa, America ed Estremo Oriente nel 1921 con una concessione statale di 30 anni firmata nel 1920. [18] La Société Radio-Orient era una filiale che forniva un servizio simile nel Vicino Est. [9]

L’SFR, con sede a Levallois-Perret, iniziò le trasmissioni sperimentali nel giugno del 1922. Il 31 ottobre 1922 fu autorizzato a trasmettere programmi regolari, a condizione che la pubblicità non fosse permessa. La prima trasmissione della stazione della Radiola da Levallois fu fatta all’inizio del novembre 1922. [18] Radiola fu la prima emittente radiofonica privata francese. Fu ribattezzato Radio-Paris nel 1924. [13] Altre stazioni radiofoniche furono create a Clichy , Tolosa , Algeri , Ankara , Tunisi , Rennes , Lille e Strasburgo . [15]Nel 1933 la Radiola fu venduta allo stato a causa di pressioni politiche. [13]

Apparecchiature radio

CSF ha prodotto apparecchiature di ricezione e trasmissione radio per amatori e professionisti. [13] La controllata Radio Maritime ha fornito attrezzature alle navi mercantili. [9] La filiale Radiotechnique fu costituita nel 1919 per la ricerca e lo sviluppo di tubi elettronici di trasmissione e ricezione nello stabilimento di Suresnes . [13] Il marchio “Radiola” è stato utilizzato per i ricevitori radio prodotti dalla Radiotechnique e per la stazione radio. [18]

Sebbene la Francia non sia stata immediatamente colpita dalla Grande Depressione , nel 1929 CSF sentì l’effetto poiché la trasmissione radio era principalmente il risultato dell’attività commerciale globale. Nel 1929 unì la produzione di apparecchiature amatoriali alla sua filiale Radiotechnique e stipulò un accordo con la Philips dei Paesi Bassi in base al quale la CSF abbandonerebbe la sua linea di apparecchi amatoriali e Philips non avrebbe gareggiato su attrezzature professionali. Philips ha acquistato metà delle azioni di Radiotechnique, ma in pratica ha controllato completamente la controllata. Il mercato delle stazioni di ricezione amatoriali esplose nel 1930. CSF utilizzò la vendita di azioni e la sua partecipazione in Radiotechnique per rafforzare la sua posizione nel settore professionale. Lo sviluppo e la produzione di tubi elettronici professionali sono stati trasferiti da Suresnes all’impianto SFR di Levallois.[13]

Alla fine del 1937, Maurice Elie di SFR sviluppò un mezzo per tubi trasmettitori modulatori di impulsi. Ciò ha portato a un nuovo sistema di 16 cm con una potenza di picco vicino a 500 W e una larghezza di impulso di 6μs. I brevetti francesi e statunitensi sono stati depositati nel dicembre 1939. [19]

Radar

Rocard e Ponte si sono entrambi trasferiti a Levallois dopo lo spin-off di Radiotechnique. Ponte è stato nominato direttore del dipartimento “lampes”, il nome utilizzato per i tubi elettronici al momento, ma ha continuato a essere direttamente coinvolto nella ricerca, in particolare nei magnetron per generare onde ultra-corte per il rilevamento degli ostacoli. Questa era una prima forma di Radar, sebbene fosse usata per rilevare barche e iceberg piuttosto che aerei nemici. [13] Negli anni ’20, i fisici francesi Camille Gutton ed Émile Pierret avevano sperimentato lunghezze d’onda di 16 cm. [20] Dopo aver studiato il magnetron della cavitàsistema nel dominio delle onde corte a 16 cm e 80 cm, un team CSF guidato da Maurice Ponte e Henri Gutton, figlio di Camille Gutton, ha depositato un brevetto per un sistema di rilevamento radar nel 1934. [20] [21] Nel 1934-35 CSF equipaggiato SS Oregon e SS Normandiecon rilevatori di collisioni anti-iceberg con un raggio di circa 10 chilometri (6,2 miglia). [20]

Film e televisione

Il PTT ha chiesto a CSF di studiare la televisione, e CSF ha lanciato la filiale Radio-cinéma a questo scopo, con il primo obiettivo di sviluppare proiettori di film parlanti per cinema di grandi dimensioni. [16] Radio-cinéma fu fondata come sussidiaria di CSF il 21 giugno 1929, nell’anno in cui apparvero per la prima volta i film parlati. I primi laboratori erano nel 20 ° arrondissement di Parigi . La filiale ha progettato e realizzato proiettori cinematografici per sale cinematografiche di grandi dimensioni. [22] Il CSF non fu coinvolto in telecamere e ricevitori, ma dal 1935 fu il principale contatto del PTT per lo sviluppo di trasmettitori TV. [16]

Seconda guerra mondiale (1939-45)

Nel 1939 la compagnia aveva poco più di 4000 dipendenti, ancora molto meno di Telefunken, Marconi, RCA e Philips dei Paesi Bassi. [14] Nei primi mesi della guerra i laboratori di Levallois fecero importanti progressi nello sviluppo del magnetron a cavità , che aprì la strada al radar centimetrico che sarà ampiamente utilizzato dagli Alleati dal 1943 per equipaggiare cacciatori e bombardieri. L’8 maggio 1940 Maurice Ponte andò a Londra di persona per presentare il magnetron del CSF agli inglesi, che avrebbero combinato i vantaggi del prototipo SFR e del loro prototipo. [23]

Dopo l’occupazione tedesca le piante di Levallois e Cholet furono poste sotto la supervisione di Telefunken. [24] Lo stabilimento SIF di Malakoff è stato posto sotto la supervisione di Siemens & Halske e dello stabilimento Radiotechnique di Suresnes sotto la Philips Electro Special, una filiale tedesca di Philips a Berlino. [25] Durante la guerra Paul Brenot aveva il titolo di direttore tecnico della SFR, ma era il braccio destro di Émile Girardeau. [26] Sotto l’occupazione tedesca c’erano relazioni molto amichevoli tra il CSF e Telefunken, per le quali in seguito fu criticato Brenot. [27]In sua difesa, Brenot ha detto che il rappresentante permanente di Telefunken a Parigi, il dottor Schultz, era un ex compositore e pianista virtuoso con il quale aveva stretto relazioni cordiali prima della guerra, e che era liberale, anti-militarista e anti-nazista. [27]

L’SFR ha istituito un centro studi nella zona franca di Lione . Il Dipartimento del personale è stato incaricato di facilitare il trasferimento di tutti i dipendenti ebrei che desiderano trasferirsi lì. A Algeri è stata anche allestita una piccola fabbrica. [28] Controllato dagli occupanti come centro di produzione Telefunken, SFR prodotto principalmente per l’esercito tedesco. Il 65% del suo fatturato è stato dedicato agli armamenti tedeschi dal 1940 al 1944, raggiungendo l’86% nel 1943. [29] Il numero di impiegati era di 2.600 nel febbraio 1940, ridotto a 1.000 nell’agosto del 1940 ma poi aumentato a più di 4.000 entro il 1943. [30] La maggior parte della produzione era costituita da apparecchiature progettate da Telefunken. Diversi aumenti di capitale sono stati organizzati, supportati da BPPB. [31]

Pierre Grivet , diplomato all’École Normale Supérieure, è stato nominato nel laboratorio di ricerca Lavallois-Perret durante la seconda guerra mondiale e ha partecipato a un progetto per lo sviluppo di un oscilloscopio da 60 kV , necessario per la ricerca televisiva. Grivet acquisì esperienza nell’ottica elettronica e ottenne un ordine governativo per un microscopio elettronico elettrostatico durante il periodo dell’occupazione tedesca. [14]

Periodo post-bellico (1945-68)

All’inizio degli anni ’50 Robert R. Warnecke era direttore della ricerca sulle microonde al CSF di Parigi. [32]

Dopo la seconda guerra mondiale Radio-cinéma si trasferì a Courbevoie , vicino alle altre fabbriche del Levallois. [22] Il progetto per lo sviluppo del dispositivo di analisi spettrale Spectro-Lecteur fu lanciato a Radio-Cinema nel 1947 in risposta a una richiesta della società metallurgica Pechiney . [33] All’inizio degli anni Cinquanta Radio-Cinema acquistò la compagnia di André Charlin , un ingegnere noto per la sua esperienza nei film parlanti, negli altoparlanti e nella stereofonia. [34] Nel 1954 il Radio-Cinema divenne la Compagnie des Applications Mécaniques et Electroniques au Cinéma et à l’Atomistique ( CAMECA). La società mantenne il proprio core business ma si diversificò in ingegneria di precisione, realizzando strumentazione scientifica e radar aerospaziale. Nel 1955 la CAMECA era strutturata con tre dipartimenti, uno per produrre proiettori di film Radio-Cinema e Charlin, una produzione meccanica per altre sussidiarie CSF e la terza con lo Spectro-Lecteur. [33] CAMECA è andato a sviluppare ioni e elettroni micropali . [35]

Nel 1957 il CSF assorbì l’SFR. Nel 1968 Thomson-Brandt e CSF vennero uniti per formare il grande gruppo Thomson-CSF . Thomson-CSF è stato nazionalizzato nel 1982 e privatizzato nel 1997. [15]

Leave a Reply

Your email address will not be published.