Centro Studi e Laboratori Telecomunicazioni ( CSELT ) è stato un centro di ricerca italiano per le telecomunicazioni con sede a Torino , il più grande in Italia e uno dei più importanti in Europa. Ha avuto un ruolo importante a livello internazionale soprattutto nella standardizzazione dei protocolli e delle tecnologie nelle telecomunicazioni: forse la più nota è la standardizzazione degli mp3 . È stato attivo dal 1964 al 2001, inizialmente come parte dell’Istituto per la Ricostruzione Industriale – STET – Gruppo della Società Finanziaria Telefonica , il maggiore conglomerato delle industrie pubbliche italiane negli anni ’60 e ’70; successivamente è entrato a far parte del Gruppo Telecom Italia . Nel 2001 è stato rinominatoTILAB come parte del Gruppo Telecom Italia.

Aree di ricerca

Tecnologia di trasmissione e fibre ottiche

CSELT è diventato noto a livello internazionale alla fine degli anni ’60 grazie alla collaborazione con la società statunitense COMSAT per un progetto pilota di TDMA (e PCM ). Inoltre, nel 1971 iniziò una ricerca congiunta con Corning Glass Works su cavi in fibra ottica : nel 1977, Torino fu la prima città ad avere una linea ottica metropolitana (9 km di lunghezza, la più lunga in quel momento), [1] in collaborazione con Sirti e Pirelli. Un esempio di innovazione nel campo delle fibre ottiche, sono state le tecniche di accoppiamento dei cavi ottici, chiamate Springroove e brevettate nel 1977 da CSELT, che hanno permesso di costruire lunghi percorsi di fibre ottiche adatti a una rete metropolitana. [2]

Informatica

Nel 1971, CSELT costruì i “Gruppi Speciali”, [3] un computer di elaborazione di divisione del tempo per la commutazione di chiamate telefoniche. Era il secondo sistema di commutazione elettronico in Europa, ma molto avanzato nel design: ad esempio nel 1975 fu introdotto per la prima volta un bootstrap automatico indipendente dall’architettura da ROM composto da semiconduttori, premendo un solo pulsante (e non da un input di procedura lunga mano come in passato) e con la memorizzazione dello stato della macchina dell’interruttore, in modo da avere un rapido riavvio automatico dell’interruttore in caso di guasto. [4]

Elaborazione delle immagini: la Sindone di Torino

Nel 1978, CSELT ha anche acquisito notorietà grazie alle sue immagini 3D della Sindone di Torino , sotto la supervisione del prof. Giovanni Tamburelli: quelle immagini, quelle a più alta risoluzione disponibili in quel momento, hanno seguito le primissime immagini 3D della Sindone che erano state fornite dalla NASA all’inizio dello stesso anno. In particolare, quel lavoro ha reso la “struttura 3D” nativa della Sindone stessa apparente per la prima volta. Un secondo risultato di Tamburelli fu la rimozione elettronica dall’immagine di ciò che era “sangue” che copriva l’uomo della Sindone. [5]

Tecnologie vocali

Il 1975 vide l’uscita di MUSA , il primo sintetizzatore vocale italiano, e uno dei primissimi al mondo: in seguito, lo stesso gruppo contribuì anche alla ricerca nel riconoscimento vocale : entrambe le tecnologie erano utilizzate per i sistemi di risposta automatica nei servizi di telecomunicazione. [6] Dal 1975 il gruppo di Voice Technology porta avanti i ricercatori avanzati nel campo, pubblicando per Springer (insieme al consorzio del progetto Esprit) il libro nel 1990: Pirani, Giancarlo, ed. Algoritmi avanzati e architetture per la comprensione del parlato. Vol. 1. Springer Science & Business Media, 1990. Successivamente, questo lavoro è stato trasferito alla società spin-off Loquendo SpA. A partire dal 1978, MUSA ha potuto cantare Fra Martino Campanaroin italiano. A quel tempo era l’unico sistema di sintesi vocale di interesse commerciale disponibile sul mercato a parte quello fornito da AT & T [7] e l’unico in grado di parlare e cantare in italiano.

Articolo principale: Loquendo

Il gruppo di codifica Audio-Video

Alla fine degli anni ’80, il Dr. Leonardo Chiariglione , Vicepresidente del Media Group di CSELT, fondò e presiedette il gruppo internazionale MPEG , [8] che pubblicò e testò standard audio-video come MPEG-1, MP3 , MPEG -4 in collaborazione con diverse aziende in tutto il mondo: nel marzo 1992 è stato dimostrato un sistema MPEG-1 funzionante in CSELT. È stato inoltre eseguito il lavoro sugli standard di compressione delle immagini (come JPEG ). Tutte queste innovazioni hanno avuto un forte impatto sulla tecnologia dei media su scala mondiale.

Articolo principale: Moving Picture Experts Group

Gli ultimi anni

Diverse ricerche sono state condotte anche negli anni successivi nel campo dei circuiti ottici, microprocessori, antenne e tutti i campi di telecomunicazione come membro del gruppo standard internazionale, come il W3C . Nel 1999 è stata sperimentata la prima chiamata UMTS in una città europea [9] [10] e nel 1996 (con Telecom Italia Mobile ) è stata rilasciata la prima carta prepagata GSM al mondo. [11] [12]

Nel 2001 CSELT è stata rinominata in TILab (Telecom Italia Lab), una nuova SpA posseduta al 100% da Telecom Italia, quando il gruppo vocale e reserarch di successo è stato separato nel nuovo Loquendo , successivamente venduto (2011) a Nuance Co.

Bibliografia

  • (en) Pirani, Giancarlo, ed. Algoritmi avanzati e architetture per la comprensione del parlato. Vol. 1. Springer Science & Business Media, 2013.
  • (it) Llerena, Patrick e Mireille Matt, eds. Politica di innovazione in un’economia basata sulla conoscenza: teoria e pratica. Springer Science & Business Media, 2006.
  • (it) Saracco, Roberto, Robert Weihmayer e Jeffrey R. Harrow. La scomparsa delle telecomunicazioni. IEEE Press, 2000 .

Bibliografia su CSELT

  • (it) Luigi Bonavoglia , CSELT trent’anni , Ed. CSELT, 1994 CSELT trent’anni
  • (it) Cristiano Antonelli, Bruno Lamborghini, Impresa pubblica e tecnologie avanzate: Il caso della storia nell’elettronica , Il Mulino, Bologna 1978.
  • (it) Bottiglieri, Bruno, STET. Strategie e struttura delle telecomunicazioni , Franco Angeli, Milano 1987.
  • (it) Bottiglieri, Bruno, SIP. Impresa, tecnologia e Stato nelle telecomunicazioni italiane , Franco Angeli, Milano 1990.
  • (it) Virginio Cantoni, Gabriele Falciasecca, Giuseppe Pelosi, Storia delle Telecomunicazioni , vol.1, Firenze: stampa universitaria Firenze, 2011.
  • (it) Andrea Piccaluga, “La valorizzazione della ricerca scientifica, come cambia la ricerca pubblica e quella industriale”, Ed. Franco Angeli, 2002. ISBN  978-88-464-3153-0

Riferimenti

  1. Salta su^ Catania, B., et al. “Primo esperimento italiano con un cavo ottico interrato”. Proc. della 2a conferenza europea sulla comunicazione con fibre ottiche. 1976.
  2. Jump up^ Springroove: accoppiamento fibra ottica brevettato da CSELT nel 1977. Video: archivio storico di Telecom Italia.
  3. Salta su^ Llerena, Patrick, Mireille Matt e Stefania Trenti. “Accordi istituzionali di politica tecnologica e gestione della diversità: il caso del sistema di commutazione digitale in Francia e in Italia”. Politica dell’innovazione in un’economia basata sulla conoscenza. Springer Berlin Heidelberg, 2005. 135-159.
  4. Salta su^ Ciaramella, Alberto. “Dispositivo per caricare automaticamente la memoria centrale dei processori elettronici”. Brevetto USA n. 4.117.974. 3 ottobre 1978.https://www.google.com/patents/US4117974.
  5. Salta su^ Tamburelli, Giovanni. “Alcuni risultati nella lavorazione della Sacra Sindone di Torino”. Pattern Analysis e Machine Intelligence, IEEE Transactions on 6 (1981): 670-676.
  6. Salta su^ Pieraccini, Roberto. La voce nella macchina: costruire computer che capiscano il parlato. MIT Press, 2012.
  7. Salta su^ Le voci di Loquendo , Il Sole 24 ore, 22 gennaio 2012.
  8. Salta su^ Musmann, Hans Georg. “Genesi dello standard di codifica audio MP3”. Elettronica di consumo, Transazioni IEEE su 52.3 (2006): 1043-1049.
  9. Salta^ Bollea, L., et al. “Sistema sperimentale UMTS in Italia – prima valutazione di servizi multimediali in un sistema mobile di terza generazione”. Mobile Multimedia Communications, 1999. (MoMuC’99) 1999 IEEE Workshop internazionale su. IEEE, 1999.
  10. Salta su^ http://archiviostorico.telecomitalia.com/italia-al-telefono-oltre/cselt-effettua-prima-telefonata-umts-in-ambiente-urbano-a-livello-europeo-cTelecom Italia – Archivio.
  11. Salta su^ Tessitore, R. Vaglio, et al. “Universal Service Obligation (USO) evitabile valutazione dei costi netti: l’esperienza italiana”. Dezembro de (2001).
  12. Salta su^ Gambaro, Angelo, et al. “La via della liberalizzazione in Italia”. BRITISH TELECOMMUNICATIONS ENGINEERING 17 (1998): 29-32.

Leave a Reply

Your email address will not be published.