L’ Organizzazione internazionale radiotelevisiva (nome ufficiale in francese : Organizzazione internazionale Radiodiffusione e Télévision o OIRT (prima del 1960 International Broadcasting Organization (IBO), nome ufficiale in francese : Organization Internationale de Radiodiffusion (OIR)) era una rete dell’Europa dell’est radiofoniche e televisive delle emittenti con lo scopo principale di stabilire legami e assicurare uno scambio di informazioni tra le varie organizzazioni responsabili dei servizi di radiodiffusione, promuovere gli interessi della radiodiffusione, cercare con la cooperazione internazionale una soluzione a qualsiasi questione relativa alla radiodiffusione, studiare e elaborare tutte le misure che hanno come il loro obiettivo è lo sviluppo della trasmissione.

Storia

Senza la partecipazione britannica, 26 membri fondarono l’OIR il 28 giugno 1946. Il giorno successivo, durante l’Assemblea Generale dell’International Broadcasting Union (IBU), fu fatto un tentativo di sciogliere questo corpo, ma la mozione non ottenne la maggioranza richiesta. Tuttavia, 18 dei 28 membri esistenti lasciarono l’IBU e divennero co-fondatori del nuovo OIR. [1]

Nel 1946, il nuovo OIR si installò nell’edificio IBU a Bruxelles. L’attività tecnica è stata ripresa sotto l’autorità di due direttori, uno delegato dall’Unione Sovietica e l’altro dalla Francia. Tuttavia, la situazione politica gradualmente degenerò nella Guerra Fredda e ciò creò una situazione di disagio all’interno dello staff del Centro Tecnico. [1]

Nel 1950 alcuni membri (per lo più dell’Europa occidentale) lasciarono l’organizzazione per formare la nuova European Broadcasting Union (EBU), tra cui Belgio , Egitto , Francia , Italia, Libano , Lussemburgo , Monaco , Marocco , Paesi Bassi , Tunisia e Jugoslavia . [1]

Le organizzazioni di radiodiffusione dei seguenti paesi sono rimaste membri: Albania , Bulgaria , Cecoslovacchia , Finlandia (anch’essa membro dell’EBU), Germania dell’Est , Ungheria, Polonia , Romania , Siria e Unione Sovietica .

Di conseguenza, la sede centrale di OIR e il suo Centro tecnico furono trasferiti da Bruxelles a Praga nel 1950. [2] [3] I membri dello staff del Belgio e di altri paesi occidentali, alcuni dei quali erano già stati attivi prima della guerra, rimasero a Bruxelles e il centro divenne il centro tecnico della nuova EBU .

A differenza dell’EBU, l’OIRT non era limitato ai paesi europei e mediterranei e ha operato sin dal suo inizio come organizzazione globale. Membri dell’organizzazione includevano paesi allineati con il blocco orientale, come Cuba, Vietnam, Repubblica popolare cinese e Corea del Nord (sebbene l’appartenenza di quest’ultimo fosse temporaneamente inattiva dopo la rottura con l’URSS), così come gli alleati dell’URSS temporaneamente guidato da partiti comunisti, come il Nicaragua e la Repubblica Democratica dell’Afghanistan, e gli stati africani e del Medio Oriente sono stati temporaneamente associati o sostenuti dal campo socialista.

Il 1 gennaio 1993, due anni dopo lo scioglimento dell’Unione Sovietica, l’OIRT si fusero con l’ Unione europea di radiodiffusione . [3] [4]

Intervision

La rete televisiva di OIRT è stata fondata nel 1960 ed è stata chiamata Intervision [5] ( russo Интервидение , bulgaro Интервизия , polacco Interwizja , Czech Intervize , ungherese Intervízió , Finnish Intervisio ),

Tra il 1977 e il 1980 l’OIRT ha organizzato quattro Concorsi di canto interventista a Sopot , in Polonia , nel tentativo di imitare l’ Eurovision Song Contest .

Membri attivi

Nazione Organismo Abbreviazione Data di adesione Data di uscita
afghanistan Radio Televisione Afghanistan RTA 1978 1992
Albania Radio Televisioni Shqiptar RTSH 1946 1961
algeria Radiodiffusione télévision algérienne RTA 1962 1970
Belgio Istituto nazionale di radiodiffusione INR 1946 1950
Nationaal Instituut voor de Radio-omroep NIR 1946 1950
Bielorussia Belaruskaja Tele-Radio Campanija BTRC 1991 1993
Bulgaria Bălgarsko Nationalno Radio BNR 1946 1993
Bălgarska Nationalna Televizija BNT 1959 1993
Cina Radio Pechino RP 1952 1961
Televisione di Pechino BTV 1958 1961
Cuba Instituto Cubano de Radio y Televisión ICRT 1962 1993
Germania dell’est Rundfunk der DDR DDR 1951 1990
Deutscher Fernsehfunk DFF 1952 1990
Egitto ERTU 1946 1950
Estonia Eesti Raadio ER 1991 1993
Eesti Televisioon ETV 1991 1993
Finlandia Yleisradio Oy Yle 1946 1993
Francia Radiodiffusione française
Radiodiffusione-Télévision Française
RDF / RTF 1946 1950
Ungheria Magyar Rádió HU 1946 1993
Magyar Televízió MTV 1952 1993
Italia RAI-Radiotelevisione Italiana RAI 1946 1950
Lettonia Latvijas Radio LR 1991 1993
Latvijas Televīzija LTV 1991 1993
Libano Télé Liban TL 1946 1950
Lituania Lietuvos Radijas ir Televizija LRT 1991 1993
Lussemburgo Compagnie luxembourgeoise de radiodiffusion CLR 1946 1950
Marocco Société Nationale de Radiodiffusion et de Télévision SNRT 1946 1950
Moldova TeleRadio-Moldova TRM 1991 1993
Monaco Radio Monte Carlo RMC 1946 1950
Nicaragua Sistema Sandinista de Televisión SSTV 1984 1990
Olanda Nederlandse Radio Unie NRU 1946 1950
Corea del nord Comitato centrale radiotelevisivo coreano KCBC 1953 1993
Polonia Polskie Radio PR 1946 1993
Telewizja Polska TVP 1952 1993
Romania Societatea Română de Radiodifuziune ROR 1946 1993
Televisiunea Română TVR 1956 1993
Russia Radio Dom Ostankino: 
– Radio Mayak (MK) 
– Radio Orpheus (OP) 
– Voce della Russia (VOR)
RDO 1991 1993
Kanal Ostankino C1 1991 1993
RossijskoeTeleradio RTR 1991 1993
Siria Organismo della Radio-Télévision Arabe Syrienne ORTAS 1946 1993
URSS Radio Vsesoyuznoye 1946 1991
Tsentral’noye televideniye SSSR TsT SSSR 1946 1991
Cecoslovacchia Československý rozhlas csr 1946 1992
Československá televize CST 1957 1992
Tunisia Radio Tunis RT 1946 1950
Ucraina Natsionalna Radiokompanya Ukraïny NRU 1991 1993
Natsionalna Telekompaniya Ukraïny NTU 1991 1993
Vietnam Voce del Vietnam VOV 1956 1993
Televisione del Vietnam VTV 1976 1993
Yemen del Sud Aden Radio 1971 1990
TV Yemen 1971 1990
Jugoslavia Jugoslovenska Radio-Televizija JRT 1946 1950

Membri associati

Nazione Organismo Abbreviazione Data di adesione Data di ritiro
Germania dell’Ovest Arbeitsgemeinschaft der öffentlich-rechtlichen Rundfunkanstalten der Bundesrepublik Deutschland ARD 1988 1993
Zweites Deutsches Fernsehen ZDF 1988 1993
Mongolia Emittente nazionale mongola MNB 1967 1993

Riferimenti

  1. ^ Salta a:c “EBU 50th Anniversary” (PDF) . Differenza EBU . Ginevra: Unione europea di radiodiffusione. 2000 . Estratto il 24 luglio 2017 .
  2. Salta su^ Lewis, David (20 gennaio 2012). “La situazione della radiodiffusione pubblica in Europa” (PDF) . Ginevra: Unione europea di radiodiffusione . Estratto il 24 luglio 2017 . L’EBU fu fondata nel 1950 e inizialmente attinse i suoi membri in gran parte all’Europa occidentale, mentre una rivale organizzazione con sede a Praga, l’OIRT, servì le ​​emittenti statali sotto il dominio sovietico dall’altra parte della cortina di ferro.
  3. ^ Salta a:b Europa centrale e orientale: legislazione sul paesaggio e sul diritto d’autore . Audiovisivi Eureka e European Audiovisual Observatory. 1994. ISBN  978-9-0621-5459-3 . Estratto il 24 luglio 2017 .
  4. Salta su^ “50 anni di Eurovision” (PDF) . Dossier EBU . Ginevra: Unione europea di radiodiffusione. Gennaio 2004 . Estratto il 24 luglio 2017 .
  5. Salta su^ Paulu, Burton (1967). “Programmi: informazioni”. Radiodiffusione televisiva e radiofonica nel continente europeo . Minneapolis: University of Minnesota Press. p. 141. OCLC  321366 . Estratto il 24 luglio 2017 .

Leave a Reply

Your email address will not be published.