Una carta QSL è una conferma scritta di una comunicazione radio a due vie tra due stazioni radioamatoriali o una ricezione unidirezionale di un segnale da una radio AM , radio FM , televisione o stazione di trasmissione ad onde corte . Può anche confermare la ricezione di una comunicazione radio a due vie da parte di un ascoltatore di terze parti. Una tipica QSL è delle stesse dimensioni e realizzata con lo stesso materiale di una tipica cartolina , e la maggior parte viene inviata per posta elettronica come tale.

La QSL ha derivato il suo nome dal codice Q “QSL”. Il messaggio di codice AQ può rappresentare una dichiarazione o una domanda (quando il codice è seguito da un punto interrogativo). In questo caso, “QSL?” (notare il punto interrogativo) significa “Confermate la ricezione della mia trasmissione?” mentre ‘QSL’ (senza un punto interrogativo) significa “Conferma ricezione della vostra trasmissione.”.

Storia

Durante i primi giorni di trasmissione radiofonica, la capacità di una radio di ricevere segnali lontani era motivo di orgoglio per molti consumatori e hobbisti. Gli ascoltatori spedirebbero “rapporti di accoglienza” alle stazioni radiofoniche nella speranza di ottenere una lettera scritta per verificare ufficialmente di aver sentito una stazione distante. All’aumentare del volume dei rapporti di ricezione, le stazioni hanno iniziato a inviare cartoline contenenti un breve modulo che confermava la ricezione. La raccolta di queste carte divenne popolare tra gli ascoltatori della radio negli anni ’20 e ’30, e i rapporti di ricezione furono spesso utilizzati dalle prime emittenti per valutare l’efficacia delle loro trasmissioni.

Il concetto di inviare una cartolina per verificare la ricezione di una stazione (e in seguito il contatto bidirezionale tra di loro) potrebbe essere stato inventato in modo indipendente più volte. Il primo riferimento sembra essere una carta inviata nel 1916 da 8VX a Buffalo, New York a 3TQ a Philadelphia, in Pennsylvania (a quei tempi non venivano usati prefissi ITU ). La carta standardizzata con call, frequenza, data, ecc. Potrebbe essere stata sviluppata nel 1919 da CD Hoffman, 8UX, ad Akron, Ohio . In Europa, WEF “Bill” Corsham, 2UV, ha usato per la prima volta una QSL operando da Harlesden , in Inghilterra , nel 1922. [1]

Uso nella radio amatoriale

I radioamatori scambiano le QSL per confermare il contatto radio bidirezionale tra le stazioni. Ogni carta contiene dettagli su uno o più contatti, la stazione e il suo operatore. Questo include almeno il segnale di chiamata di entrambe le stazioni che partecipano al contatto, l’ora e la data in cui si è verificato (solitamente specificato in UTC ), la frequenza radio o la banda utilizzata, la modalità di trasmissione utilizzata e un rapporto segnale . [2] L’ International Amateur Radio Union e le sue società membro raccomandano una dimensione massima di 3½ x 5½ pollici (140 mm per 90 mm). [3]

QSL sono un prosciutto biglietto da visita di operatore radio e sono spesso l’espressione della creatività individuale – da una foto dell’operatore alla sua stazione di opere d’arte originali, le immagini della città natale dell’operatore o sulla campagna circostante, ecc Essi sono spesso creati con una buona dose di orgoglio individuale. Di conseguenza, la raccolta di carte QSL di progetti particolarmente interessanti è diventata un hobby aggiuntivo per la semplice raccolta di documentazione stampata delle comunicazioni di un prosciutto nel corso della sua carriera radiofonica.

Normalmente inviati utilizzando i normali sistemi postali internazionali, le QSL possono essere inviate direttamente all’indirizzo di un individuo, o tramite l’ ufficio QSL centralizzato delle radioamatoriali , che raccoglie e distribuisce le carte per quel paese. Ciò consente di risparmiare le spese di spedizione per il mittente inviando diverse carte destinate a un singolo paese in una busta o un numero elevato di carte che utilizzano i servizi di inoltro pacchi. Il prezzo per le spese di spedizione più basse, tuttavia, è un ritardo nel raggiungere la sua destinazione a causa del tempo di gestione extra in questione. [4] Oltre a tali uffici in arrivo , ci sono anche in uscitauffici in alcuni paesi. Questi uffici offrono un ulteriore risparmio di spedizione accettando le carte destinate a molti paesi diversi e riconfezionandoli insieme in pacchetti che vengono inviati a specifici uffici in entrata in altri paesi. [5] La maggior parte degli uffici QSL gestiti dalle società radioamatoriali nazionali sono sia in entrata che in uscita, con la notevole eccezione degli Stati Uniti d’America, e sono coordinati dall’International Amateur Radio Union (IARU). [5]

Per i paesi rari , quelli dove ci sono pochissimi operatori radioamatori, luoghi senza sistemi postali affidabili (o addirittura esistenti), incluse le spedizioni in aree remote, un manager QSLvolontario può gestire l’invio di carte. Per le spedizioni questo può ammontare a migliaia di carte, e il pagamento per almeno le spese postali è apprezzato, ed è richiesto per una risposta diretta (al contrario di un ritorno tramite un ufficio).

Recentemente, Internet ha permesso la trasmissione elettronica come alternativa alla spedizione di una carta fisica. Questi sistemi utilizzano database informatici per archiviare tutte le stesse informazioni normalmente verificate dalle schede QSL in formato elettronico. Alcuni sponsor di premi operativi per radioamatori , che normalmente accettano schede QSL per la prova dei contatti, possono anche riconoscere uno specifico sistema elettronico QSL nella verifica delle applicazioni premio.

  • Uno di questi sistemi, denominato eQSL, [6] consente lo scambio elettronico di QSL come immagini jpeg o gif che possono poi essere stampate come schede sulla stampante a getto d’inchiostro locale o laser del destinatario o visualizzate sul monitor del computer. Molti programmi di registrazione ora dispongono di interfacce elettroniche dirette per trasmettere i dettagli QSO in tempo reale nel database eQSL.cc. La rivista CQ Amateur Radio ha iniziato ad accettare le QSL elettroniche da eQSL.cc per i suoi quattro programmi di premi nel gennaio 2009. 10-10 accetta eQSL dal 2002.
  • Un altro sistema, l’ ARRL ‘s Logbook of The World (LoTW), permette di conferme da sottoporre elettronicamente per quella dell’organizzazione Century Club DX e lavorato tutta Unitipremi. Le conferme sono sotto forma di record di database, firmati elettronicamente con la chiave privata del mittente. Questo sistema corrisponde semplicemente ai record del database ma non consente la creazione di schede QSL pittoriche.

Anche in presenza di QSL elettroniche, le QSL fisiche sono spesso ricordi storici o sentimentali di un luogo memorabile ascoltato o lavorato, o un piacevole contatto con un nuovo amico radio, e i prosciutti seri possono averne migliaia. Alcune carte sono semplici, mentre altre sono multicolori e possono essere sovradimensionate o doppie.

Una storia illustrata della vita di un operatore radioamatoriale e della collezione QSL è stata pubblicata nel 2003. [7]

Uso nell’ascolto a onde corte

Le emittenti internazionali ad onde corte hanno tradizionalmente rilasciato schede QSL agli ascoltatori per verificare la ricezione della programmazione e anche come mezzo per giudicare le dimensioni del loro pubblico, le distanze di ricezione effettive e le prestazioni tecniche dei loro trasmettitori. Le QSL possono anche servire come strumenti pubblicitari per l’emittente ad onde corte, e talvolta le carte includeranno informazioni culturali sul paese. [8]

Il programma di ricerca aurorale attivo ad alta frequenza ha richiesto occasionalmente informazioni di ricezione sui suoi esperimenti con onde corte, in cambio del quale ha inviato le carte QSL. [9] Le frequenze standard e le stazioni temporali, come WWV , invieranno anche le QSL in risposta ai rapporti degli ascoltatori. Altre stazioni di servizio a onde corte , come le emittenti meteorologiche marine e aeronautiche, possono QSL, così come alcune stazioni radio pirata , di solito attraverso caselle di posta elettronica.

Utilizzo nella radio CB

Gli appassionati di radio CB spesso si scambiavano cartoline QSL colorate, specialmente durante l’apice della popolarità degli CB negli anni ’70. [10] I radio-operatori CB che si incontravano mentre erano in volo scambiavano solitamente le QSL personalizzate con i loro nomi (“maniglie”) e i nominativi CB . [11] Originariamente, CB richiedeva una licenza acquistata e l’uso di un nominativo; tuttavia, quando la mania dei CB era al suo apice, molte persone ignorarono questo requisito e inventarono le loro “maniglie”. [12]

Un semplice formato di carta potrebbe includere solo il nominativo e / o “handle” dell’utente, la posizione di casa e annotare la data e l’ora di un contatto radio CB. Carte più elaborate contenevano caricature, cartoni animati, slogan e battute, a volte di carattere ribaldo. [11] Mentre la moda della radio CB cresceva negli Stati Uniti e in Canada, emersero numerosi artisti specializzati in artwork per schede QSL CB identificati da soprannomi come “Alley Cat”, “Sundown”, “Booking Agent”, “Squeaky” “,” The Viking “,” Moonglow “e” Brushstroke “. [13] Secondo l’artista Jess Anderson, alias “Runnin Bare”, nel 1976, ha restituito $ 100.000 ai clienti “perché non poteva tenere il passo con la domanda”. [13]

Utilizzo in TV-FM e AM DXing

Le QSL vengono anche raccolte dagli appassionati di radio che ascoltano stazioni radio o TV FM distanti . Con l’avvento del broadcasting digitale v’è maggiore difficoltà con la ricezione dei segnali TV deboli a causa del effetto scogliera , [14] tuttavia AM che trasmettono le stazioni radio spesso rispondere a rapporti ascoltatore, soprattutto se li segnalano ricevere a distanza significativa. [15]

Vedi anche

  • DX
  • Collezione Heys , una raccolta di carte QSL nella British Library Philatelic Collections

Riferimenti

  1. Salta in alto^ Chi ha inventato la QSL Card? Archiviatoil 15 luglio 2006, sullaWayback Machine.
  2. Salta su^ Ellen White, W1YL, ed. (1976). Guida operativa per radioamatori ARRL . Newington, CT: American Radio Relay League . p. 55.
  3. Salta su^ Eckersley, R. J, G4FTJ (1985). Manuale operativo radioamatore (3 ed.). Potters Bar, Herts, Regno Unito: Radio Society of Great Britain . p. 32.ISBN  0-900612-69-X .
  4. Salta su^ Il manuale di Radioamatori 1978 . Newington, CT: American Radio Relay League . 1977. p. 653.
  5. ^ Salta a:b “IARU QSL Bureau” . 2009-02-02 . Retrieved 2012-11-11 .
  6. Vai su^ http://www.eqsl.cc/qslcard/ : home page di eQSL
  7. Salta su^ Gregory, Danny; Paul Sahre (2003). Hello World A Life in Ham Radio . New York: Princeton Architectural Press. ISBN  1-56898-281-X .
  8. Salta su^ Jerome S. Berg (1 ottobre 2008). Ascoltando le onde corte, dal 1945 ad oggi . McFarland. pp. 330-. ISBN  978-0-7864-5199-9 .
  9. Salta su^ Unacarta QSL HAARPper l’esperimento moonbounce di 40 metri nel gennaio 2008
  10. Salta^ Mark Menjivar (9 giugno 2015). The Luck Archive: Exploring Belief, Superstition e Tradition . Trinity University Press. pp. 49-. ISBN  978-1-59534-250-8 .
  11. ^ Salta su:b Tukker, Paul. “Il collezionista americano trova un tesoro di memorabilia radiofonica della Yukon CB” . Notizie dalla CBC . CBC . Estratto l’ 11 febbraio 2017 .
  12. Salta in su→ MotorBoating . Novembre 1975. pp. 16-.
  13. ^ Salta fino a:b Smith, Jordan. “CB QSL: una mania dei social media degli anni ’70” . Flashbak.com . Alum Media Ltd . Estratto l’ 11 febbraio 2017 .
  14. Salta su^ Lars-Ingemar Lundstrom (21 agosto 2012). Comprendere la televisione digitale: un’introduzione ai sistemi DVB con distribuzione TV via satellite, via cavo, banda larga e terrestre . Stampa CRC. pp. 9-. ISBN  978-1-136-03282-0 .
  15. Salta su^ Barun Roy (1 settembre 2009). Entra nel mondo dei mass media . Pustak Mahal. pp. 21-. ISBN  81-223-1080-X .

Leave a Reply

Your email address will not be published.