L’ R-390A / URR è un ricevitore di comunicazioni radio HF di copertura generale progettato da Collins Radio Company per l’ esercito americano .

Storia

L’R-390A militare ricevitore radio ad onde corte è stato il risultato di un progetto intrapreso dalla US Army Signal Corps nel 1954 per sostituire il ricevitore R-390 esistente allora in uso. L’R-390 aveva fatto il suo lavoro così bene che il Corpo decise che l’uso continuato di questo tipo di ricevitore necessitava di una versione migliorata, a costi ridotti. Ci sono molti riferimenti all’R390A nella letteratura aperta durante questo periodo; un’immagine del ricevitore apparve nel numero di maggio 1959 della rivista radio amatoriale QST. [1]

La produzione totale dell’R-390A (determinata dai numeri seriali rilevati) supera le 55.000 unità. La produzione iniziale iniziò nel 1955 e durò circa nel 1970, per poi essere ripresa nel 1984 da Fowler Industries per i Cantieri Avondale. I produttori e i loro numeri di produzione approssimativi sono: [1]

  • Collins Radio Company 6,363
  • Electronic Assistance Corp 15,338 (include le radio contrassegnate da Dittmore Freimuth)
  • Capehart 4,242
  • Motorola 14.873
  • Stewart Warner 6.631
  • Amelco / Teledyne / Imperial 7.958 (queste società erano collegate tramite acquisizioni)
  • Fowler Industries 5

Le aziende che producevano moduli di ricambio, ma non interi set erano Communications Systems Corp., Clavier Corp. e Hacking Labs.

Design

L’R-390A è un ricevitore radio a copertura generale in grado di ricevere segnali di modulazione di ampiezza modulati , di codice e di spostamento di frequenza . La sua gamma di accordatura va da 500 kilohertz a 32 megahertz , in 32 bande da un megahertz. Il circuito è di tipo supereterodina , doppia conversione sopra gli 8 MHz, al di sotto del quale viene utilizzata la conversione tripla. Impiega 26 valvole a vuoto(6AK6 x 3, 5654 x 2, 12AU7 / 5814A x 2, 26Z5W x 2, 3TF7 x 1, 6BA6 / 5749W x 6, 6C4 / 6100 x 3, 6DC6 x 1, 0A2 x 1), conteggio maggiore del normale per la maggior parte dei ricevitori a copertura generale. Il ricevitore pesa 85 sterline e può essere utilizzato con alimentazioni a 120 o 240 volt. Si adatta perfettamente a un rack da 19 pollici standard da 10,5 pollici. [2] [3]

La sintonia della radio frequenza dell’R-390A e del front end a frequenza intermedia è sincronizzata tramite un ingegnoso sistema meccanico di rack, ingranaggi e camme. Quando i controlli di sintonia del pannello anteriore vengono ruotati, questo sistema alza e abbassa la ferritelumache dentro e fuori dalle bobine di sintonia del ricevitore. Questo assicura che tutti i circuiti front-end siano tracciati, il che significa che tutti i circuiti sono sintonizzati sulla frequenza corretta per mantenere selettività e sensibilità eccellenti. La costruzione del ricevitore è modulare per una facile manutenzione. Ogni area principale del ricevitore è contenuta in sottoassiemi facilmente rimovibili e questi possono essere riparati o sostituiti secondo necessità. Sebbene l’R-390A sia meccanicamente ed elettricamente complesso, l’allineamento e la manutenzione sono stati progettati per seguire le procedure semplificate pubblicate dal Signal Corps. [2]

Usa

L’R-390A è stato utilizzato nella maggior parte dei rami delle forze armate statunitensi ed è rimasto in uso generale negli anni ’80. L’ultimo importante aggiornamento alla sua documentazione risale al 1984. Mentre i militari procuravano nuovi ricevitori, molti R-390A furono rilasciati in eccedenza mentre altri furono distrutti. Alcuni ricevitori sono stati mantenuti dai servizi, tuttavia, quando hanno scoperto che il circuito del tubo a vuoto dell’R-390A poteva facilmente sopravvivere a un impulso elettromagnetico . Ci sono rapporti, forse apocrifi, che i ricevitori dell’R-390A sono ancora in uso a bordo dei sottomarini della Marina USA poiché il ricevitore è in grado di sopportare i forti campi di frequenza radio rilevati a bordo della nave. [1]

Molte delle R-390As che esistono oggi sono nelle mani di radio amatoriali d’epoca collezionisti e radioamatori operatori che sostengono che alcune moderne stato solido ricevitori di comunicazione possono eguagliare le sue prestazioni. Esiste una grande quantità di informazioni, sia stampate che elettroniche, dedicate al restauro e alla manutenzione dell’R-390A, in quanto l’R-390A è ampiamente considerato un esempio del meglio della tecnologia dei tubi a vuoto . [1]

Vedi anche

  • Trasmettitore ART 13
  • ARC-5
  • BC-348
  • BC-654
  • Collins Radio
  • Hammarlund super professionista
  • HRO nazionale
  • Radio amatoriale vintage

Riferimenti

  1. ^ Salta fino a:d Rippel, Chuck. “La casa R390A sul WWW” . L’R390A / URR . r390a.com. Archiviato dall’originale il 27 settembre 2007 . Estratto il 27 giugno 2017 .
  2. ^ Passa a:b Manuale dell’utente: Ricevitore radio R-390A / URR. . Sede, Dipartimento dell’Esercito; 1989. p. 3-.
  3. Salta in su^ Field and Depot Maintenance Manual: Ricevitore radio R-390A / URR. . Sede, Dipartimento dell’Esercito; 1990.

Leave a Reply

Your email address will not be published.