L’ Unione internazionale delle telecomunicazioni utilizza un sistema concordato a livello internazionale per classificare i segnali in radiofrequenza . Ogni tipo di emissione radio viene classificata in base alla larghezza di banda , al metodo di modulazione , alla natura del segnale modulante e al tipo di informazioni trasmesse sul segnale portante. Si basa sulle caratteristiche del segnale , non sul trasmettitore utilizzato.

Una designazione dell’emissione è nella forma BBBB 123 45 , dove BBBB è la larghezza di banda del segnale, 1 è una lettera che indica il tipo di modulazione usata dalla portante principale (non includendo alcuna subportante, motivo per cui FM stereo è F8E e non D8E) , 2 è una cifra che rappresenta nuovamente il tipo di segnale di modulazione del vettore principale, 3 è una lettera corrispondente al tipo di informazione trasmessa, 4 è una lettera che indica i dettagli pratici delle informazioni trasmesse, e 5 è una lettera che rappresenta il metodo di multiplexing . I campi 4 e 5 sono opzionali.

Questo sistema di designazione fu concordato alla World Radio Radio Conference del 1979 (WARC 79), e diede origine ai Regolamenti Radio che entrarono in vigore il 1 ° gennaio 1982. Un sistema di designazione simile era stato utilizzato da precedenti Regolamentazioni Radio.

Dettagli sulla design

Larghezza di banda

La larghezza di banda ( BBBB sopra) è espressa in quattro caratteri: tre cifre e una lettera. La lettera occupa la posizione normalmente utilizzata per un punto decimale e indica quale unità di frequenza viene utilizzata per esprimere la larghezza di banda. La lettera H indica Hertz , K indica kilo Hertz, M indica mega Hertz e G indica giga Hertz. Ad esempio, “500H” significa 500 Hz e “2M50” significa 2,5 MHz. Il primo carattere deve essere una cifra compresa tra 1 e 9 ; potrebbe non essere la cifra 0 o una lettera.

Tipo di modulazione

Carattere Descrizione
N Vettore non modulato
UN Doppio banda laterale modulazione di ampiezza (es radio AM broadcast)
H Single-sideband con full carrier (ad es. Usato da CHU )
R Single-sideband con portante ridotto o variabile
J Single-sideband con carrier soppresso (ad esempio, l’ utilità di onde corte e le stazioni amatoriali)
B Sideband indipendente (due bande laterali contenenti segnali diversi)
C Fascia laterale scadente (ad es. NTSC )
F Modulazione di frequenza (es. Radio FM)
sol Modulazione di fase
D Combinazione di AM e FM o PM
P Sequenza di impulsi senza modulazione
K Modulazione dell’ampiezza del polso
L Modulazione della larghezza di impulso (ad es. Utilizzata da WWVB )
M Modulazione della posizione dell’impulso
Q Sequenza di impulsi, modulazione di fase o di frequenza all’interno di ciascun impulso
V Combinazione di metodi di modulazione dell’impulso
W Combinazione di uno dei precedenti
X Nessuno dei precedenti

Tipo di segnale modulante

Carattere Descrizione
0 Nessun segnale modulante
1 Un canale contenente informazioni digitali, nessuna sottoportante
2 Un canale contenente informazioni digitali, utilizzando una sottoportante
3 Un canale contenente informazioni analogiche
7 Più di un canale contenente informazioni digitali
8 Più di un canale contenente informazioni analogiche
9 Combinazione di canali analogici e digitali
X Nessuno dei precedenti

I tipi 4 e 5 furono rimossi dall’uso con i Regolamenti radio del 1982. Nelle precedenti edizioni, avevano indicato rispettivamente fac-simile e video.

Tipo di informazioni trasmesse

Carattere Descrizione
N Nessuna informazione trasmessa
UN Telegrafia auricolare, destinata ad essere decodificata a orecchio, come il codice Morse
B Telegrafia elettronica, progettata per essere decodificata dalla macchina ( radioteletype e modalità digitale)
C Facsimile (immagini fisse)
D Trasmissione dati, telemetria o telecommand (controllo remoto)
E Telefonia (voce o musica destinata ad essere ascoltata da un essere umano)
F Video ( segnali televisivi )
W Combinazione di uno dei precedenti
X Nessuno dei precedenti

Dettagli delle informazioni

Carattere Descrizione
UN Codice a due condizioni, gli elementi variano in quantità e durata
B Codice a due condizioni, elementi fissi in quantità e durata
C Codice a due condizioni, elementi fissi in quantità e durata, correzione degli errori inclusa
D Codice a quattro condizioni, una condizione per “elemento segnale”
E Codice multi-condizione, una condizione per “elemento segnale”
F Codice multi-condizione, un carattere rappresentato da una o più condizioni
sol Suono monofonico di qualità broadcast
H Suono di qualità broadcast stereofonico o quadrifonico
J Suono di qualità commerciale (non trasmesso)
K Impiego della frequenza del suono di qualità commerciale e / o “band-splitting” impiegati
L Suono di qualità commerciale, segnali FM indipendenti, come i toni pilota, utilizzati per controllare il segnale demodulato
M Immagini o video in scala di grigi
N Immagini a colori o video
W Combinazione di due o più dei precedenti
X Nessuno dei precedenti

Multiplexing

Carattere Descrizione
N Nessuno usato
C Divisione del codice (escluso lo spettro diffuso)
F A divisione di frequenza
T Time-division
W Combinazione di divisione di frequenza e divisione del tempo
X Nessuno dei precedenti

Esempi comuni

Trasmissione

A3E o A3E G
Modulazione di ampiezza ordinaria utilizzata per trasmissioni AM a bassa e media frequenza
F8E, F8E H
Trasmissioni FM per trasmissioni radio su VHF e come componente audio di trasmissioni televisive analogiche . Poiché generalmente ci sono toni pilota (sottoportanti) per stereo e RDS, viene utilizzato il designatore “8” per indicare più segnali.
C3F, C3F N
Segnali video televisivi analogici PAL , SÉCAM o NTSC (precedentemente tipo A5C , fino al 1982)
C7W
Televisione digitale ATSC , comunemente su VHF o UHF
G7W
Televisore digitale DVB-T , ISDB-T o DTMB , comunemente su VHF o UHF

Radio a due vie

A3E
Comunicazione vocale AM: utilizzata per le comunicazioni aeronautiche
F3E
Comunicazione vocale FM – usata spesso per la radio marina e molte altre comunicazioni VHF
20K0 F3E
Ampia larghezza FM, larghezza 20,0 kHz, deviazione ± 5 kHz , ancora ampiamente utilizzata per Ham Radio , radio meteorologica NOAA , marina e utenti dell’aviazione e utenti mobili di terreni al di sotto dei 50 MHz [1]
11K2 F3E
Narrow FM, larghezza di banda di 11,25 kHz , deviazione di ± 2,5 kHz – Tutti gli utenti di LMRS ( Land Mobile Radio Service ) di Part 90 che operano al di sopra dei 50 MHz sono stati richiesti per l’aggiornamento alle apparecchiature a banda stretta entro il 2013-01-01. [2] [3] [4]
6K00 F3E
Anche Narrower FM, futura roadmap per Land Mobile Radio Service (LMRS), già richiesto su banda di sicurezza pubblica a 700 MHz
J3E
Comunicazione vocale SSB , utilizzata su bande HF da parte di utenti marittimi, aeronautici e dilettanti
R3E
SSB con comunicazione vocale ridotta ( AME ), utilizzata principalmente dalle bande HF dai militari (ovvero banda laterale compatibile )

Dati a bassa velocità

n0n
Trasportatore continuo, non modulato, precedentemente comune per la ricerca di direzione radio (RDF) nella navigazione marittima e aeronautica.
A1A
Segnalazione digitando direttamente il gestore, ovvero Continuous Wave (CW) o On-Off Keying (OOK) , attualmente utilizzato nella radio amatoriale . Questo è spesso ma non necessariamente codice Morse .
A2A
Segnalazione trasmettendo un tono modulato con una portante, in modo che possa essere facilmente ascoltato utilizzando un normale ricevitore AM. In passato era ampiamente utilizzato per l’identificazione di stazioni di segnali non direzionali , di solito ma non esclusivamente codice Morse (un esempio di onda continua modulata , al contrario di A1A , sopra).
F1B
Telegrafia con digitazione a spostamento di frequenza (FSK), ad esempio RTTY . [un]
F1C
Radiofax ad alta frequenza
F2D
Trasmissione dati mediante modulazione di frequenza di una portante di radiofrequenza con sottoportante FSK a frequenza audio. Spesso chiamato AFSK / FM.
J2B
Keying Phase-Shift come PSK31 (BPSK31)

C’è una certa sovrapposizione nei tipi di segnale, quindi una trasmissione potrebbe essere legittimamente descritta da due o più designatori. In tali casi, di solito c’è un designatore convenzionale preferito.

Note

  1. Salta in alto^ I designatori F1B e F1D dovrebbero essere utilizzati per la radiotelegrafia e le trasmissioni di dati FSK, indipendentemente da come viene generato il segnale di radiofrequenza (esempi comuni sono l’audio FSK utilizzato per modulare un trasmettitore SSB o la modulazione diretta FSK di un trasmettitore FM tramite diodo varactor ). Tuttavia, occasionalmente le alternative J2B e J2D vengono utilizzate per designare i segnali FSK generati dalla modulazione audio di un trasmettitore SSB.

Leave a Reply

Your email address will not be published.