Una radio a transistor è un piccolo ricevitore radio portatile che utilizza circuiti basati su transistor . Seguendo il loro sviluppo nel 1954 , reso possibile dall’invenzione del transistor nel 1947 , essi divennero il dispositivo di comunicazione elettronica più popolare nella storia, con miliardi [1] fabbricati negli anni ’60 e ’70. Le loro dimensioni tascabili hanno innescato un cambiamento nelle abitudini di ascolto della musica popolare, consentendo alle persone di ascoltare la musica ovunque si trovassero. A partire dagli anni ’80, tuttavia, le radio a transistor AM economiche sono state sostituite da dispositivi con una qualità audio superiore, come lettori CD portatili , lettori audio personali , boomboxese (eventualmente) smartphone , [2] alcuni dei quali contengono le radio stesse. [3]

Sfondo

Prima che il transistor fosse inventato, le radio utilizzavano le valvole a vuoto . Sebbene siano state prodotte le radio a valvole portatili, erano in genere ingombranti e pesanti. La necessità di una sorgente a corrente elevata a bassa tensione per alimentare i filamenti dei tubi e l’alta tensione per il potenziale anodico normalmente richiedeva due batterie. I tubi a vuoto erano anche inefficienti e fragili rispetto ai transistor e avevano una durata limitata.

I Bell Laboratories hanno dimostrato il primo transistor il 23 dicembre 1947. [4] Il team scientifico dei Bell Laboratories responsabili dell’amplificatore allo stato solido includeva William Shockley , Walter Houser Brattain e John Bardeen . [5] Dopo aver ottenuto la protezione brevettuale, il 30 giugno 1948 la compagnia organizzò una conferenza stampa in cui fu dimostrato un prototipo di radio a transistor. [6]

Ci sono molti pretendenti al titolo della prima azienda a produrre radio a transistor pratiche, spesso erroneamente attribuite a Sony (originariamente Tokyo Telecommunications Engineering Corporation). Texas Instruments aveva già dimostrato le radio AM (a modulazione di ampiezza) a tutti i transistor già dal 25 maggio 1954, [7] [8] ma le loro prestazioni erano ben al di sotto di quelle dei modelli equivalenti di valvole a vuoto. Nel mese di agosto 1953, presso la fiera radiofonica di Düsseldorf , la società tedesca Intermetall ha dimostrato la sua capacità di operare su tutte le transistor . [9] Fu costruito con quattro transistor fatti a mano di Intermetall , basato sull’invenzione del 1948 del transistor “Transiston” – contatto al punto di contatto con ilHerbert Mataré e Heinrich Welker . Tuttavia, come con le prime unità di Texas Instruments (e altre), solo i prototipi furono mai costruiti; non è mai stato messo in produzione commerciale. RCA aveva già dimostrato un prototipo di radio a transistor già nel 1952, ed è probabile che loro e gli altri produttori di radio stessero progettando le proprie radio a transistor, ma la Texas Instruments e la Regency Division di IDEA furono le prime a offrire un modello di produzione a partire da Ottobre 1954. [10]

L’uso dei transistor invece dei tubi a vuoto come elementi dell’amplificatore significava che il dispositivo era molto più piccolo, richiedeva molto meno energia per funzionare rispetto a una radio a valvole ed era più resistente agli urti. Poiché la base del transistor assorbe corrente, l’ impedenza di ingresso è bassa rispetto all’impedenza di ingresso elevata dei tubi a vuoto. [11]Permetteva anche il funzionamento “istantaneo”, poiché non c’erano filamenti da riscaldare. La tipica radio a valvole portatile degli anni Cinquanta era circa la dimensione e il peso di un lunchboxe conteneva diverse batterie pesanti non ricaricabili, una o più cosiddette batterie “A” per riscaldare i filamenti del tubo e una grande batteria “B” da 45 a 90 volt per alimentare i circuiti del segnale. In confronto, la radio a transistor poteva entrare in una tasca e pesare mezzo chilo o meno, ed era alimentata da batterie torcia standard o una singola batteria compatta da 9 volt. L’ormai familiare batteria da 9 volt è stata introdotta per alimentare le radio a transistor. citazione necessaria ]

Gli ascoltatori a volte tenevano un’intera radio a transistor direttamente contro il lato della testa, con l’altoparlante contro l’orecchio, per minimizzare il suono “metallico” causato dalla elevata frequenza di risonanza del suo piccolo altoparlante. La maggior parte delle radio includeva prese per auricolari e venivano fornite con auricolari singoli che fornivano solo una riproduzione del suono di qualità mediocre. Per i consumatori che hanno familiarità con l’esperienza di ascolto degli auricolari della radio a transistor, il primo lettore di cassette Walkman di Sony , con un paio di auricolari stereo ad alta fedeltà, fornirebbe un display molto contrastante di fedeltà audio. citazione necessaria ]

Regency TR-1 – la prima radio a transistor

Due società che lavorano insieme, Texas Instruments di Dallas, Texas e Industrial Development Engineering Associates (IDEA) di Indianapolis, Indiana, sono state alla base della presentazione della Regency TR-1 , la prima radio a transistor prodotta commercialmente. In precedenza, Texas Instruments produceva strumentazione per l’industria petrolifera e localizzava dispositivi per la US Navy e IDEA costruiva ripetitori di antenne televisive. Le due aziende hanno lavorato insieme sul TR-1, cercando di aumentare i ricavi per le rispettive aziende penetrando in questa nuova area di prodotti. [6]Nel maggio del 1954, Texas Instruments aveva progettato e costruito un prototipo e stava cercando un produttore di radio affermato per sviluppare e commercializzare una radio usando i loro transistor. (Il capo ingegnere progettista per il progetto radiofonico presso la sede di Texas Instruments a Dallas, in Texas, era Paul D. Davis, Jr., laureato in ingegneria elettrica presso la Southern Methodist University, a cui è stato assegnato il progetto grazie alla sua esperienza con la radio ingegneria nella seconda guerra mondiale). Nessuno dei principali produttori di radio tra cui RCA, Philco ed Emerson erano interessati. Il presidente di IDEA all’epoca, Ed Tudor, colse l’occasione per fabbricare il TR-1, prevedendo vendite delle radio a transistor a “20 milioni di radio in tre anni”. [12]Il TR-1 Regency è stato annunciato il 18 ottobre 1954 dalla Divisione Regency di IDEA, è stato messo in vendita nel novembre del 1954, ed è stato il primo pratico transistor radio realizzato in numeri significativi. Nel 1954 Billboard riferì che “la radio ha solo quattro transistor: uno funge da combinazione mixer-oscillatore, uno come amplificatore audio e due come amplificatori a frequenza intermedia”. [13] Un anno dopo l’uscita delle vendite TR-1 si avvicinò il marchio di 100.000. L’aspetto e le dimensioni del TR-1 sono stati ben accolti, ma le recensioni delle prestazioni del TR-1 sono state generalmente negative. [12] Il Regency TR-1 è stato brevettato da Richard C. Koch, US 2892931 , ex Project Engineer di IDEA

Raytheon 8-TP-1 – la seconda radio a transistor

Nel febbraio 1955 la seconda radio a transistor, l’8-TP-1, fu introdotta da Raytheon . Si trattava di una più grande radio a transistor portatile, comprendente un diffusissimo altoparlante da quattro pollici e quattro transistor aggiuntivi (il TR-1 ne usava solo quattro). Di conseguenza, la qualità del suono era molto meglio del TR-1. Un ulteriore vantaggio dell’8-TP-1 è stato il suo consumo efficiente della batteria. Nel luglio del 1955, la prima recensione positiva di una radio a transistor apparve nel Consumer Reports che diceva: “I transistor in questo set non sono stati usati nel tentativo di costruire la più piccola radio sul mercato, e le buone prestazioni non sono state sacrificate. ” Dopo il successo dell’8-TP-1, Zenith, RCA, DeWald e Crosley hanno iniziato ad allagare il mercato con altri modelli di radio a transistor. [12]

Chrysler Mopar 914HR – il primo transistor per autoradio

1955 Chrysler – Philco all transistor car radio – Annuncio radiofonico “Breaking News”.

Chrysler e Philco hanno annunciato di aver sviluppato e prodotto la prima autoradio a tutti i transistor al mondo nell’edizione del 28 aprile 1955 del Wall Street Journal. [14] Chrysler realizzò l’autoradio a tutti i transistor, modello Mopar 914HR, disponibile come “opzione” nell’autunno del 1955 per la sua nuova linea di auto Chrysler e Imperial del 1956, che raggiunsero il pavimento dello showroom il 21 ottobre 1955. Il tutto l’autoradio a transistor era un’opzione di $ 150. [15] [16] [17] [18]

Prezzi

Prima del Regency TR-1, i transistor erano difficili da produrre. Solo un transistor su cinque che è stato prodotto ha funzionato come previsto (solo una resa del 20%) e di conseguenza il prezzo è rimasto estremamente alto. [12] Quando fu rilasciato nel 1954, il Regency TR-1 costò $ 49,95 (equivalenti a $ 456 oggi) e vendette circa 150.000 unità. Le radio a transistor Raytheon e Zenith Electronics sono state presto seguite e hanno avuto un prezzo ancora più alto. Nel 1955, l’8-TR-1 di Raytheon aveva un prezzo di $ 80 (equivalente a $ 731 oggi). [12] Nel novembre del 1956 una radio a transistor abbastanza piccola da poter essere indossata al polso e una durata della batteria di 100 ore costò $ 29,95. [19] Il TR-63 di Sony, rilasciato nel dicembre del 1957, costò $ 39,95 (equivalenti a $ 349 oggi). [12]Seguendo il successo del TR-63, Sony ha continuato a ridurre le sue radio a transistor. A causa del costo del lavoro estremamente basso in Giappone, le radio a transistor giapponesi hanno iniziato a vendere a partire da $ 25. Nel 1962 i produttori americani abbassarono i prezzi delle radio a transistor fino a 15 $ (equivalenti a 121 $ oggi). [12]

Storia giapponese nel mercato

Durante un viaggio negli Stati Uniti nel 1952, Masaru Ibuka , fondatore della Tokyo Telecommunications Engineering Corporation (ora Sony ), scoprì che AT & T stava per rendere disponibili le licenze per il transistor. Ibuka e il suo socio, fisico Akio Morita, hanno convinto il Ministero giapponese dell’International Trade and Industry (MITI) a finanziare la tassa di licenza di $ 25.000 (equivalente a $ 230,388 oggi). [20] Per diversi mesi Ibuka viaggiò per gli Stati Uniti prendendo in prestito idee dai produttori americani di transistor. Migliorando le idee, la Tokyo Telecommunications Engineering Corporation ha realizzato la sua prima radio a transistor funzionale nel 1954. [12] Nell’arco di cinque anni, la Tokyo Telecommunications Engineering Corporation è passata da sette dipendenti a circa cinquecento.

Altre società giapponesi presto seguirono il loro ingresso nel mercato americano e il totale complessivo di prodotti elettronici esportati dal Giappone nel 1958 aumentò di 2,5 volte rispetto al 1957. [21]

Sony TR-55

Nell’agosto del 1955, mentre era ancora una piccola azienda, la Tokyo Telecommunications Engineering Corporation introdusse la sua radio TR-55 a cinque transistor con il nuovo marchio Sony . [22] [23] Con questa radio, Sony è diventata la prima azienda a produrre i transistor e altri componenti utilizzati per costruire la radio. Il TR-55 è stata anche la prima radio a transistor a utilizzare tutti i componenti in miniatura. Si stima che siano state prodotte solo da 5.000 a 10.000 unità.

Sony TR-63

Il TR-63 è stato introdotto da Sony negli Stati Uniti nel dicembre 1957. Il TR-63 era 1/4 “più stretto e 1/2” più corto rispetto al Regency TR-1 originale. Come il TR-1 è stato offerto in quattro colori: limone, verde, rosso e nero. Oltre alle dimensioni più piccole, il TR-63 aveva un piccolo condensatore di sintonizzazione e richiedeva un nuovo design della batteria per produrre la giusta tensione. Ha usato la batteria da nove volt , che diventerebbe lo standard per le radio a transistor. Circa 100.000 unità del TR-63 furono importate nel 1957. [12] Questo “tascabile” (Il termine “tascabile” era una questione di interpretazione, dato che Sony avrebbe avuto camicie speciali fatte con tasche enormi per i venditori). successo nel mercato. [24]Con il successo visibile dei concorrenti TR-63 giapponesi come Toshiba e Sharp si sono uniti al mercato. Nel 1959, nel mercato degli Stati Uniti, c’erano più di sei milioni di apparecchi radio a transistor prodotti da società giapponesi che rappresentavano $ 62 milioni di entrate. [12]

Nella cultura popolare

Le radio a transistor hanno avuto un grande successo a causa di tre forze sociali: un gran numero di giovani a causa del baby boom del secondo dopoguerra , un pubblico con reddito disponibile in un periodo di prosperità e la crescente popolarità della musica rock’n’roll . L’influenza della radio a transistor durante questo periodo è dimostrata dalla sua apparizione in film popolari, canzoni e libri dell’epoca, come il film Lolita. Verso la fine degli anni ’50, le radio a transistor assunsero progetti più elaborati a seguito di una accesa competizione. Alla fine, le radio a transistor sono raddoppiate come novità. I piccoli componenti delle radio a transistor che si sono ridotti nel tempo sono stati utilizzati per realizzare qualsiasi cosa, dalle radio “Jimmy Carter a forma di arachide” alle radio “a forma di pistola” a “Mork dalle radio a forma di uovo”. Le aziende hanno utilizzato le radio a transistor per pubblicizzare la propria attività. Le radio ” Charlie the Tuna- shaped” potevano essere acquistate da Star-Kist per una quantità insignificante di denaro, dando visibilità alla loro azienda tra il pubblico. Queste nuove radio sono ora acquistate e vendute come oggetti da collezione tra i collezionisti moderni. [25] [26]

Rise of portable audio players

Dal 1980, la popolarità delle radio portatili è diminuita con l’ascesa di lettori audio e smartphone portatili , che consentono agli utenti di trasportare e ascoltare la musica di loro scelta e possono anche includere un sintonizzatore radio . Questo è iniziato alla fine degli anni ’70 con boom box e lettori di cassette portatili come il Sony Walkman , seguito da lettori CD portatili . Un tipo comune ora è il lettore audio digitale portatile . Questo tipo di dispositivo è una scelta popolare tra gli ascoltatori che sono insoddisfatti della radio di musica terrestre a causa di una selezione limitata di musica e problemi di ricezione. Tuttavia, le radio a transistor sono ancora popolari per le notizie, talk radio, meteo, eventi sportivi in ​​diretta e applicazioni di allarme di emergenza. citazione necessaria ]

Vedi anche

  • emittente

Riferimenti

  1. Salta su^ Skrabec, Quentin R., Jr. (2012). I 100 eventi più significativi negli affari americani: un’enciclopedia . ABC-CLIO. p. 197. ISBN  0313398631 .
  2. Salta^ Petraglia, Dave (2014-03-05). “Perché devi il tuo smartphone alla Transistor Radio” . Catalogo dei pensieri.
  3. Salta su^ Bray, Hiawatha (2014-11-06). “Il tuo smartphone è pronto per la radio?” . Il Boston Globe.
  4. Salta su^ L’invenzione del transistor
  5. Salta su^ Handy, Erbe, Blackham, Antonier (1993). Made In Japan: Transistor Radio degli anni ’50 e ’60 . Libri di cronaca. ISBN  0-8118-0271-X . pagina 13
  6. ^ Salta a:b “La rivoluzione in tasca” . Estratto il 2010-04-20 .
  7. Salta su^ Invention and Technology Magazine, Autunno 2004, Volume 20 Numero 2, “La rivoluzione in tasca”, Autore: Robert J. Simcoe
  8. Salta su^ Titolo del libro: TI, il transistor e me, autore: Ed Millis, pagina 34
  9. Salta su^ Articolo: “Il transistor francese”, Autore: Armand Van Dormael, pagina 15, Fonte: IEEE Global History Network
  10. Salta su^ sito web: www.regencytr1.com, Regency TR-1 Transistor Radio History
  11. Salta su^ Donald L. Stoner e LA Earnshaw (1963). The Transistor Radio Handbook: Theory, Circuitry and Equipment . Editors and Engineers, Ltd.pagina 32
  12. ^ Salta a:un j David Lane e Robert Lane (1994). Transistor Radio: un’enciclopedia da collezione e una guida ai prezzi . Wallace-Homestead Book Company. ISBN  0-87069-712-9 . pagine 2-7
  13. Salta su^ Mercati di transistor tascabili reggenza radio .
  14. Salta su^ Wall Street Journal, “Chrysler promette l’autoradio con transistor invece di tubi nel ’56”, 28 aprile 1955, pagina 1
  15. Saltate^ Hirsh, Rick. “Philco’s All-Transistor Mopar Car Radio” . Allpar.com . Estratto il 2015-02-18 .
  16. Salta su^ http://www.radiomuseum.org/r/philco_mopar_914_hr_ch_c_5690hr.html
  17. Salta su^ http://www.fcanorthamerica.com/company/Heritage/Pages/Chrysler-Heritage-1950.aspx
  18. Salta su^ Chrysler Imperial Owners Manual, 1956, Pagina 13
  19. Salta su^ “Broadcast Band – All Transistor Wrist Radio” . Galaxy (pubblicità). Novembre 1956. p. 1 . Estratto il 18 dicembre 2013 .
  20. Salta su^ “Storia di Sony. Capitolo4: La prima visita di Ibuka negli Stati Uniti” . Sony.net . Sony . Estratto il 16 settembre 2017 .
  21. Salta su^ Handy, Erbe, Blackham, Antonier (1993). Made In Japan: Transistor Radio degli anni ’50 e ’60 . Libri di cronaca. ISBN  0-8118-0271-X . pagine 23-29
  22. Salta su^ John Nathan (1999). SONY: la vita privata . Houghton Mifflin Company. ISBN  0-395-89327-5 . pagina 35
  23. Salta su^ “Transistor Radio” . ScienCentral. 1999 . Estratto 2010-01-19 .
  24. Salta su^ “Sony Global – Sony History” . Archiviato dall’originale il 20 agosto 2008 . Estratto il 2008-09-01 .
  25. Salta su^ Handy, Erbe, Blackham, Antonier (1993). Made In Japan: Transistor Radio degli anni ’50 e ’60 . Libri di cronaca. ISBN  0-8118-0271-X . pagine 46-51
  26. Salta su^ Radio antica classificata . John V. Terrey. pp. Giugno 2002 p.10 e marzo 2008 p.6.
  27. Salta su^ The Zenith Transoceanic The Royalty of Radio . Schiffer. pp. 110-120. ISBN  0-88740-708-0 .

Leave a Reply

Your email address will not be published.