L’ International Telecommunication Union ( ITU , francese: Union Internationale des Télécommunications ( UIT )), originariamente l’ International Telegraph Union (francese: Union Télégraphique Internationale ), è un’agenzia specializzata delle Nazioni Unite (ONU) che è responsabile per le questioni che riguardano le informazioni e tecnologie di comunicazione . [1]

L’ITU coordina l’uso globale condiviso dello spettro radio , promuove la cooperazione internazionale nell’assegnazione di orbite satellitari , lavora per migliorare le infrastrutture di telecomunicazione nei paesi in via di sviluppo e contribuisce allo sviluppo e al coordinamento degli standard tecnici mondiali . L’ITU è attiva in aree quali Internet a banda larga, tecnologie wireless di ultima generazione, navigazione aeronautica e marittima, radioastronomia, meteorologia satellitare, convergenza in telefoni fissi-mobili, accesso a Internet, dati, trasmissione vocale, TV e di nuova generazione reti .

ITU organizza inoltre fiere e forum internazionali e regionali, come ITU TELECOM WORLD, che riunisce rappresentanti del governo, dell’industria delle telecomunicazioni e delle TIC per scambiare idee, conoscenze e tecnologia.

ITU, con sede a Ginevra , Svizzera , è membro del Gruppo di sviluppo delle Nazioni Unite . [2] L’ ITU è stata un’organizzazione intergovernativa di partenariato pubblico-privato sin dal suo inizio. La sua composizione comprende 193 Stati membri e circa 700 aziende del settore pubblico e privato nonché enti di telecomunicazione internazionali e regionali, noti come membri del settore e associati, che svolgono gran parte del lavoro di ciascun settore. [3]

Storia

ITU è stata costituita nel 1865, a Parigi , alla International Telegraph Convention; questo lo rende una delle più antiche organizzazioni intergovernative del mondo . [4] [5] L’International Radiotelegraph Union fu istituita ufficiosamente alla prima International Radiotelegraph Convention nel 1906. Entrambe furono incorporate nell’International Telecommunication Union nel 1932. [6] ITU divenne un’agenzia specializzata delle Nazioni Unite nel 1947. [5]

Settori ITU

L’ITU comprende tre settori, ciascuno dei quali gestisce un aspetto diverso delle questioni trattate dall’Unione, nonché ITU Telecom. [7] I settori sono stati creati durante la ristrutturazione dell’UIT nella conferenza plenipotenziaria del 1992. [8]

Comunicazione radio ( ITU-R )
Fondato nel 1927 come Comitato consultivo radiofonico internazionale o CCIR (dal nome francese “Comité consultatif international pour la radio”), questo settore gestisce lo spettro radio-frequenza internazionale e le risorse dell’orbita satellitare. Nel 1992, il CCIR è diventato ITU-R.
Standardizzazione ( ITU-T )
La standardizzazione era lo scopo originario di ITU sin dal suo inizio. Istituito nel 1956 come Comitato consultivo telefonico internazionale e telegrafico o CCITT (dal nome francese “Comité consultatif international téléphonique et télégraphique”), questo settore standardizza le telecomunicazioni globali (ad eccezione della radio). [8] Nel 1993, CCITT divenne ITU-T.
Sviluppo ( ITU-D )
Fondato nel 1992, questo settore aiuta a diffondere un accesso equo, sostenibile e accessibile alle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC).
ITU Telecom
ITU Telecom organizza importanti eventi per la comunità ICT mondiale.

Un segretariato generale permanente , guidato dal segretario generale, gestisce il lavoro quotidiano dell’Unione e dei suoi settori.

Quadro giuridico di ITU

International Telecommunication Union – 100 ° anniversario. Francobollo USA, 1965.
International Telecommunication Union – anniversario 125 anni. Posta dell’URSS, 1990.
International Telecommunications Union, 1977 Francobollo dalla Libia
International Telecommunication Union – anniversario 150 anni. Post dell’Azerbaijan , 2015.

I testi di base dell’UIT [9] sono adottati dalla Conferenza dei plenipotenziari dell’UIT. [10] Il documento di fondazione dell’UIT era la Convenzione del Telegrafo Internazionale del 1865, che da allora è stata più volte modificata ed è ora intitolata “Costituzione e Convenzione dell’Unione Internazionale delle Telecomunicazioni”. Oltre alla Costituzione e alla Convenzione, i testi di base consolidati comprendono il Protocollo opzionale sulla risoluzione delle controversie, le decisioni, le risoluzioni e le raccomandazioni in vigore, nonché le regole generali delle conferenze, delle assemblee e delle riunioni dell’Unione. citazione necessaria ]

Leadership

L’ITU è diretta da un segretario generale, che viene eletto per un periodo di quattro anni dagli Stati membri alla Conferenza dei plenipotenziari dell’UIT. [11]

Il 23 ottobre 2014, Houlin Zhao è stato eletto 19 ° segretario generale dell’UIT alla conferenza plenipotenziaria a Busan , nella Repubblica di Corea . Il suo mandato quadriennale è iniziato il 1 ° gennaio 2015 ed è stato ufficialmente inaugurato il 15 gennaio 2015 [12].

Direttori e segretari generali dell’ITU

Direttori di ITU
Nome Inizio del termine Fine del mandato Nazione
Louis Curchod 1 gennaio 1869 24 maggio 1872 Svizzera
Karl Lendi 24 maggio 1872 12 gennaio 1873 Svizzera
Louis Curchod 23 febbraio 1873 18 ottobre 1889 Svizzera
August Frey 25 febbraio 1890 28 giugno 1890 Svizzera
Timotheus Rothen 25 novembre 1890 11 febbraio 1897 Svizzera
Emil Frey 11 marzo 1897 1 agosto 1921 Svizzera
Henri Étienne 2 agosto 1921 16 dicembre 1927 Svizzera
Joseph Raber 1 febbraio 1928 30 ottobre 1934 Svizzera
Franz von Ernst 1 gennaio 1935 31 dicembre 1949 Svizzera
Segretari generali
Léon Mulatier 1 gennaio 1950 31 dicembre 1953 Francia
Marco Aurelio Andrada 1 gennaio 1954 18 giugno 1958 Argentina
Gerald C. Gross 1 gennaio 1960 29 ottobre 1965 stati Uniti
Manohar Balaji Sarwate 30 ottobre 1965 19 febbraio 1967 India
Mohamed Ezzedine Mili 20 febbraio 1967 31 dicembre 1982 Tunisia
Richard E. Butler 1 gennaio 1983 31 ottobre 1989 Australia
Pekka Tarjanne 1 novembre 1989 31 gennaio 1999 Finlandia
Yoshio Utsumi 1 febbraio 1999 31 dicembre 2006 Giappone
Hamadoun Touré 1 gennaio 2007 31 dicembre 2014 Mali
Houlin Zhao 1 ° gennaio 2015 presente Cina

Iscrizione

L’appartenenza all’ITU è aperta solo ai membri delle Nazioni Unite, che possono aderire all’Unione come Stati membri, nonché a organizzazioni private come vettori, produttori di apparecchiature, organismi di finanziamento, organizzazioni di ricerca e sviluppo e organizzazioni internazionali e regionali di telecomunicazione, che possono aderire all’ITU come membri del settore senza diritto di voto. [13]

Vi sono 193 Stati membri dell’UIT, compresi tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite, ad eccezione della Repubblica di Palau , oltre alla Città del Vaticano . [14] Il più recente Stato membro a far parte dell’UIT è il Sud Sudan, che è diventato membro il 14 luglio 2011. [15]

La Repubblica di Cina (Taiwan) fu bloccata dall’adesione [16] dalla Repubblica popolare cinese, ma ricevette comunque un codice nazionale, essendo elencato come “Taiwan, Cina”. [17] LaPalestina è stata ammessa come osservatore nel 2010. [18]

Raggruppamenti regionali

Gli Stati membri dell’UIT sono organizzati in sei gruppi regionali:

  • Telecommunicazione Asia-Pacifico (APT)
  • Arab Spectrum Management Group (ASMG)
  • African Telecommunications Union (ATU)
  • Conferenza europea delle amministrazioni delle poste e telecomunicazioni (CEPT)
  • Commissione interamericana per le telecomunicazioni (CITEL)
  • Commonwealth regionale nel campo delle comunicazioni (RCC – rappresentante delle ex repubbliche sovietiche )

Vertice mondiale sulla società dell’informazione

Articolo principale: Summit mondiale sulla società dell’informazione

L’ITU è stata una delle agenzie delle Nazioni Unite responsabili della convocazione del Vertice mondiale sulla società dell’informazione (WSIS), insieme all’UNESCO , all’UNCTAD e all’UNDP . [19] Il Vertice si è svolto in due conferenze nel 2003 e 2005 rispettivamente a Ginevra ea Tunisi, con l’obiettivo di colmare il divario digitale .

Conferenza mondiale sulle telecomunicazioni internazionali 2012 (WCIT-12)

Nel dicembre 2012, l’ITU ha facilitato la Conferenza mondiale sulle telecomunicazioni internazionali 2012 (WCIT-12) a Dubai . WCIT-12 era un trattato conferenza -level per affrontare internazionali Regolamento di telecomunicazione, le norme internazionali per le telecomunicazioni , tra cui internazionali tariffe . [20] La precedente conferenza per l’aggiornamento dei regolamenti (ITR) si è svolta a Melbourne nel 1988 [21].

Nell’agosto 2012, l’ITU ha richiesto una consultazione pubblica su una bozza di documento prima della conferenza. [22] Si sostiene che la proposta consentirebbe alle restrizioni governative o al blocco delle informazioni diffuse via Internet e creerebbe un regime globale di monitoraggio delle comunicazioni Internet, compresa la richiesta che coloro che inviano e ricevano informazioni si identificano. Permetterebbe inoltre ai governi di chiudere Internet se esiste la convinzione che potrebbe interferire negli affari interni di altri stati o che le informazioni di natura sensibile potrebbero essere condivise. [23]

I ministri delle telecomunicazioni di 193 paesi hanno partecipato alla conferenza di Dubai. [23]

Modifiche ai regolamenti internazionali sulle telecomunicazioni

L’attuale struttura normativa era basata sulle telecomunicazioni vocali, quando Internet era ancora agli inizi. [24] Nel 1988, le telecomunicazioni operavano sotto monopoli regolamentati nella maggior parte dei paesi. Con l’aumento di Internet, organizzazioni come ICANN sono nate per gestire risorse chiave come indirizzi Internet e nomi di dominio . Alcuni al di fuori degli Stati Uniti ritengono che gli Stati Uniti esercitino troppa influenza sulla governance di Internet. [25]

Proposte modifiche al trattato e preoccupazioni

Le attuali proposte sembrano tenere conto della prevalenza delle comunicazioni di dati. Le proposte in esame istituirebbero un controllo regolamentare da parte dell’ONU su sicurezza, frodi, contabilità del traffico e flusso di traffico, gestione dei nomi di dominio Internet e degli indirizzi IP e altri aspetti di Internet che sono attualmente governati da approcci basati sulla comunità come Registri Internet regionali , ICANN o quadri normativi largamente nazionali. [26] La mossa dell’ITU e di alcuni paesi ha allarmato molti all’interno degli Stati Uniti e all’interno della comunità di Internet. [27] [28]In effetti, alcuni servizi di telecomunicazione europei hanno proposto un cosiddetto modello “mittente paga” che richiederebbe alle fonti di traffico Internet di pagare le destinazioni, analogamente al modo in cui i fondi vengono trasferiti tra i paesi che utilizzano il telefono. [29] [30]

L’attività WCIT-12 è stata attaccata da Google , che l’ha caratterizzata come una minaccia per “… Internet gratuito e aperto”. [31]

Il 22 novembre 2012, il Parlamento europeo ha approvato una risoluzione che esorta gli stati membri a prevenire l’attività ITU WCIT-12 che avrebbe “un impatto negativo su Internet, la sua architettura, le operazioni, i contenuti e la sicurezza, le relazioni commerciali, la governance di Internet e il libero flusso di informazioni online “. [32] La risoluzione asseriva che “l’ITU […] non è l’organo appropriato per affermare l’autorità normativa su Internet”. [33]

Il 5 dicembre 2012, la camera bassa del Congresso degli Stati Uniti ha approvato una risoluzione contro la governance ONU di Internet da parte di un raro voto unanime 397-0. La risoluzione ha avvertito che “… le proposte sono state presentate al [WCIT-12] che potrebbero alterare radicalmente la governance e il funzionamento di Internet … [e] tenterebbero di giustificare un maggiore controllo del governo su Internet. .. “, e ha affermato che la politica degli Stati Uniti è” … promuovere un Internet globale libero dal controllo del governo e preservare e far progredire il modello Multistakeholder di successo che governa Internet oggi “. La stessa risoluzione era stata precedentemente approvata all’unanimità dalla camera alta del Congresso a settembre. [34]

Il 14 dicembre 2012, una versione modificata dei regolamenti è stata firmata da 89 dei 152 paesi. I paesi che non hanno firmato erano Stati Uniti, Giappone, Canada, Germania, Nuova Zelanda, India e Regno Unito. Il capo della delegazione degli Stati Uniti, Terry Kramer, ha dichiarato: “Non possiamo sostenere un trattato che non sia di supporto al modello multistakeholder della governance di Internet”. [35] [36] [37] Il disaccordo sembra essere su una lingua nell’ITR rivisto che si riferisce ai ruoli ITU nell’affrontare le comunicazioni bulk non richieste, la sicurezza della rete e una risoluzione sulla governance di Internet che richiedeva la partecipazione del governo a temi di Internet a vari Forum ITU. [38]Nonostante il numero significativo di paesi che non hanno firmato, l’organizzazione ITU è uscita con un comunicato stampa: ” Nuovo accordo globale sulle telecomunicazioni concordato a Dubai “.

Partecipazione alla conferenza WCIT-12

La conferenza stessa era gestita dall’International Telecommunication Union (ITU). Mentre alcune parti della società civile e dell’industria erano in grado di consigliare e osservare, la partecipazione attiva era limitata agli statimembri . [39] La Electronic Frontier Foundation ha espresso preoccupazione in merito, chiedendo un processo più trasparente e multilaterale. [40] Alcuni contributi trapelati possono essere trovati sul sito web wcitleaks.org . I ricercatori affiliati a Google hanno suggerito che l’ITU dovrebbe riformare completamente i suoi processi per allinearsi con l’apertura e la partecipazione di altre organizzazioni multistakeholder interessate a Internet. [41]

Vedi anche

Unione internazionale delle telecomunicazioni, Ginevra
  • Federal Communications Commission (FCC)
  • Task Force di ingegneria di Internet
  • Forum sulla governance di Internet
  • ICANN
  • Registro americano per i numeri di Internet (ARIN)
  • MATURO
  • AfriNIC
  • Centro di informazione sulla rete in America Latina e Caraibi (LACNIC)
  • Internet Society
  • H.331
  • ITU-R (ITU-R)
  • Settore ITU per lo sviluppo delle telecomunicazioni (ITU-D)
  • ITU Telecommunication Standardization Sector (ITU-T)
  • Raccomandazioni ITU-R
  • Raccomandazioni ITU-T
  • X.509
  • Giornata mondiale della società dell’informazione
  • Gruppo di lavoro sulla governance di Internet (WGIG)
  • Protezione online per bambini (COP)

Riferimenti

  1. Salta su^ International Telecommunication Union
  2. Salta su^ “Membri UNDG” . Undg.org. Archiviato dall’originale l’11 maggio 2011 . Estratto il 15 maggio 2012 .
  3. Salta su^ “Informazioni su ITU” . Unione internazionale delle telecomunicazioni . Retrieved 2011-03-20 .
  4. Salta su^ Norman A. Graham; Robert S. Jordan (22 ottobre 2013). Il servizio civile internazionale: cambio di ruolo e concetti . Elsevier. p. 105. ISBN  978-1-4831-4799-4 .
  5. ^ Salta a:b Carl Malamud (1992). Esplorazione di Internet: un diario di viaggio tecnico . Carl Malamud. p. 384. ISBN  978-0-13-296898-0 .
  6. Salta su^ ICAO e l’International Telecommunication Union- ICAO sito ufficiale
  7. Salta su^ “Membri del settore, associati e Academia” . ITU . Estratto il 15 maggio 2014 .
  8. ^ Salta su:b Deutsches Institut für Normung (1998). Un’introduzione agli standard e alla standardizzazione . Beuth Verlag. p. 266. ISBN  9783410141495 . Estratto il 15 maggio 2014 .
  9. Salta su^ “Testi di base dell’Unione Internazionale delle Telecomunicazioni” . Itu.int . Estratto il 15 maggio 2012 .
  10. Salta su^ PP10contributions. “Conferenza plenipotenziaria 2010” . Itu.int . Estratto il 15 maggio 2012 .
  11. Salta su^ Darpan, Pratiyogita (2017-01-27). Pratiyogita Darpan . Pratiyogita Darpan.
  12. Salta^ “Inaugurazione del team di gestione ITU il 15 gennaio 2015” . Estratto il 25 marzo 2015 .
  13. Salta su^ “Costituzione di ITU: Capitolo I – Disposizioni di base” . Estratto il 14 aprile 2013 .
  14. Salta su^ “Stati membri dell’Unione internazionale delle telecomunicazioni” . Unione internazionale delle telecomunicazioni . Estratto 18 luglio 2013 .
  15. Salta su^ Nuovo paese, nuovo numero – Codice nazionale 211 assegnato ufficialmente al Sud SudanITU Pressroom, 14 luglio 2011
  16. Salta su^ Lin, Chun Hung (2004). “ITU e Repubblica di Cina” . digitalcommons . Riviste accademiche di GGU Law . Estratto il 2 gennaio 2017 .
  17. Salta in alto^ “ITU-T: International Numbering Resources: Piani di numerazione nazionali: Cina, Taiwan” . Itu.int. 26 gennaio 2007 . Estratto il 15 maggio2012 .
  18. Salta su^ “Stato ITU della Palestina” . Itu.int. 20 ottobre 2010. Archiviatodall’originale il 7 giugno 2011 . Estratto il 15 maggio 2012 .
  19. Salta su^ “Summit mondiale sulla società dell’informazione” . itu.int . Estratto l’ 11 ottobre 2012 .
  20. Salta su^ “World Conference on International Telecommunications 2012” . Itu.int. Estratto il 12 ottobre 2012 .
  21. Salta su^ “Regolamenti internazionali di telecomunicazione” (PDF) . Estratto il 12 ottobre 2012 .
  22. Saltate^ “ITU apre consultazione pubblica sulla trattato regolamentazione di Internet” . 16 agosto 2012 . Estratto il 30 novembre 2012 .
  23. ^ Salta fino a:b “Le Nazioni Unite vogliono il controllo del web kill switch” . News.com.au. 12 novembre 2012 . Estratto il 30 novembre 2012 .
  24. Salta su^ Uso globale di Internet
  25. Salta su^ “La Russia chiama per la rivoluzione di Internet” . Indrus.in. 29 maggio 2012 . Estratto il 12 ottobre 2012 .
  26. Salta su^ Internet Society. Regolamenti internazionali di telecomunicazione
  27. Salta su^ Mcdowell, Robert M. (21 febbraio 2012). “Robert McDowell: la minaccia delle Nazioni Unite alla libertà di Internet” . Il Wall Street Journal . Estratto il 12 ottobre 2012 .
  28. Salta^ L. Gordon Crovitz (17 giugno 2012). “Crovitz: l’Internet Power Grab delle Nazioni Unite” . Il Wall Street Journal . Estratto il 12 ottobre 2012 .
  29. Salta su^ McCullagh, Declan (7 giugno 2012). “CNET: le Nazioni Unite potrebbero tassare i siti Web basati negli Stati Uniti, i documenti trapelati mostrano” . CNET . Estratto il 12 ottobre 2012 .
  30. Salta su^ Trivedi, Shamik (28 giugno 2012). “PER APPLE E GOOGLE, ARRIVA UNA” TASSA “UNICA INEVITABILE?”. Note fiscali oggi – 2012 TNT 126-5.
  31. Salta in alto^ “Google attacca la conferenza delle Nazioni Unite” . Notizie della BBC. 21 novembre 2012 . Estratto il 21 novembre 2012 .
  32. Saltare^ “Parlamento europeo mette in guardia contro il controllo delle Nazioni Unite internet” . Notizie della BBC. 22 novembre 2012 . Estratto il 23 novembre 2012 .
  33. Saltate^ “Risoluzione del Parlamento europeo sulla prossima Conferenza mondiale sulle telecomunicazioni internazionali (WCIT-12) dell’Unione internazionale delle telecomunicazioni, e l’eventuale ampliamento del campo di applicazione delle norme di telecomunicazioni internazionali” . 22 novembre 2012 . Estratto il 23 novembre 2012 .
  34. Salta su^ “House approva la risoluzione per mantenere il controllo di Internet fuori dalle mani dell’ONU” . La collina. 5 dicembre 2012.
  35. Salta su^ “Gli Stati Uniti rifiutano il trattato sulle telecomunicazioni” . Il New York Times . 14 dicembre 2012.
  36. Salta su^ “Regolazioni di sbocco del Giappone, ad ovest per i bordi della rete” . Japan Times . 16 dicembre 2012.
  37. Salta su^ “WCIT-12 Atti finali firmatari” . Unione internazionale delle telecomunicazioni . Estratto il 16 dicembre 2012 .
  38. Saltate^ Siy, Sherwin. (14 dicembre 2012)sui risultati al WCIT. Conoscenza del pubblico. Estratto il 28 aprile 2014.
  39. Salta su^ “Convention of ITU” . Itu.int . Estratto il 12 ottobre 2012 .
  40. Salta su^ “EFF unisce la coalizione che denuncia il processo di pianificazione di WCIT segreto” . Eff.org. 17 maggio 2012 . Estratto il 12 ottobre 2012 .
  41. Salta in alto^ “Ryan / Glick: i negoziati del trattato ITU: un invito all’apertura e alla partecipazione”. Ssrn.com. SSRN  2077095  .

Leave a Reply

Your email address will not be published.