L’ International Broadcasting Union ( IBU , nome ufficiale in francese : Union Internationale de Radiophonie, UIR ) era un’alleanza delle emittenti radiofoniche europee, istituita il 3-4 aprile 1925. Il sindacato aveva sede a Ginevra. L’UIR mirava a risolvere i problemi internazionali della trasmissione.

Storia

Dalla sua fondazione nel 1865, l’ Unione telegrafica internazionale (ITU) si è concentrata sulle comunicazioni wireless punto-punto. Dopo la fine della prima guerra mondiale , l’ITU non ha intrapreso il nuovo sviluppo della radiodiffusione. La Società delle Nazioni e l’ITU hanno deciso di non creare regolamenti internazionali di trasmissione poiché la tecnologia era troppo “giovane” e stava cambiando troppo rapidamente. La decisione ha lasciato spazio a sforzi internazionali non guidati dai governi.

Le emittenti europee hanno preso l’iniziativa, discutendo su come affrontare i problemi nazionali e internazionali della radiodiffusione e se le società private debbano cercare regolamenti governativi o stabilire la propria organizzazione internazionale di emittenti che operano al di fuori dei governi. Lunghe trattative tra le varie emittenti private e la BBC sonoculminate nello stabilire l’Unione internazionale di radiodiffusione non governativa.

I diversi e complessi problemi di un numero crescente di emittenti radiotelevisive in Europa richiedevano conoscenze specialistiche in diritto, finanza, ingegneria, giornalismo e musicologia. Gli esperti hanno affermato che i loro sforzi migliorerebbero la qualità delle trasmissioni a tal punto che il mezzo attirerebbe un pubblico radiofonico più ampio. Il loro ragionamento si è dimostrato corretto. Nel 1920 solo poche migliaia di case in Europa avevano ricevitori radio, nel 1926 questo numero è cresciuto fino a 5,8 milioni e a 16 milioni di ricevitori nel 1931. [1]

Nel 1940, l’equipaggiamento UIR fu evacuato da Bruxelles alla Svizzera, ma nel 1941 fu restituito dopo la richiesta tedesca, e fu successivamente utilizzato dalla Wehrmacht per monitorare l’attività radio delle forze alleate. Tredici paesi membri hanno smesso di collaborare con l’UIR dopo essere passati sotto il controllo tedesco. [2] : 12

Dopo la fine della seconda guerra mondiale, l’UIR è stato screditato come “tedesco-friendly” agli occhi di molti ex stati membri. Nel marzo del 1946, l’ Unione Sovietica chiese la dissoluzione dell’UIR e l’istituzione di una nuova organizzazione di radiodiffusione internazionale, in cui tutti gli stati satellite dell’URSS sarebbero rappresentati con diritti di voto. 26 membri dell’UIR hanno fondato l’alternativa International Broadcasting Organisation comunemente nota come OIR il 28 giugno 1946.

La disputa si intensificò quando nel 1947 si tenne la conferenza radio mondiale ITU ad Atlantic City. Entrambe le organizzazioni, l’OIR e l’UIR, hanno chiesto di partecipare a questo incontro come “esperti tecnici”. A entrambe le organizzazioni è stato negato questo status, ma è stato concesso solo di partecipare in qualità di osservatori senza diritto di voto. La conferenza europea di follow-up a Copenaghen del 1948 ha avuto risultati simili. Questa situazione non ha soddisfatto nessuna delle parti.

La BBC non era desiderosa di unirsi a una nuova associazione che probabilmente sarebbe stata dominata dall’Unione Sovietica. Inoltre, l’URSS ha iscritto alcune delle sue repubbliche membri come stati indipendenti, dando all’URSS otto voti nella nuova organizzazione. La Francia intendeva fare lo stesso per le sue colonie nord-africane, che le avrebbero dato quattro voti. La Gran Bretagna ne avrebbe solo una. [2] : 14

Nel 1949, Francia, Paesi Bassi, Italia e Belgio dichiararono la loro intenzione di dimettersi dall’OIR. Molti paesi dell’Europa occidentale hanno deciso di formare un’organizzazione completamente nuova nonostante la diffidenza della Gran Bretagna – secondo alcuni, la BBC voleva dominare la nuova organizzazione.

UIR è stato ufficialmente sciolto nel 1950, e le sue attività rimanenti sono state trasferite a una nuova Unione europea di radiodiffusione (EBU).

Il 1 ° gennaio 1993, OIR, in quel momento ridenominato in OIRT, si fuse con l’EBU.

Riferimenti

  1. Salta su^ Suzanne Lommers. “Europa – In diretta: progetti interbellici per la radiodiffusione” . Estratto l’ 8 novembre 2016 .
  2. ^ Salta a:b EBU. “50 ° anniversario EBU” (PDF) . Estratto il 9 dicembre 2016 .

Leave a Reply

Your email address will not be published.